Lifestyle 2

La mia dimora è un film

Claudia Alongi
5 marzo 2013

Avete mai immaginato di essere catapultati nel vostro personale telefilm o lungometraggio preferito? Oggi, grazie al fermento del mercato immobiliare di lusso, è possibile.
Requisito numero uno: un bel gruzzoletto. Requisito numero due: tanta voglia di fantasticare. Sorvoliamo sul primo punto e concentriamoci sul secondo, d’altronde sognare (tenendo sempre un piede ben saldo per terra), non costa niente.

Forse non avremo una cicatrice a forma di saetta, ma potremo sempre trasferirci a Lavenham, in Inghilterra. Perché proprio lì? Semplice. La “casa natale” di Harry Potter, il maghetto più celebre del pianeta-terra, è in vendita al prezzo di 950mila sterline. Una tipica (e decadente) villetta inglese con tre stanze da letto, doppi servizi, zona living, cucina, lavanderia e dependance. Manca solo la bacchetta magica.

Magari non lavoreremo per Vogue USA, non terremo una rubrica sul New York Star, non incontreremo Mr Big, ma potremo rincorrere in tacco 12 un taxi che ci accompagnerà al civico 64 di Perry Street a New York. Anche la casa di Carrie Bradshaw, infatti, protagonista di Sex and the City è sul mercato (di nuovo) per 9 milioni e 650mila dollari. Costruito nel 1866, l’appartamento, a differenza di quello che appare nella serie tv, si compone di ben dieci locali disposti su quattro piani, per un totale di 380mq. Pare che uno dei motivi principali della continua messa sul mercato dell’immobile, sia l’incessante andirivieni di turisti e curiosi davanti al portone della townhouse.
Sempre nella Grande Mela, sono quasi 6 i milioni di dollari che qualcuno ha recentemente sborsato per acquistare la casa di Audrey Hepburn, o meglio Holly Golightly, in Colazione da Tiffany.
Intanto sulla West Coast è in vendita la casa della Famiglia Cunningham di Happy Days e in affitto (a 30mila dollari al mese) la mega villa in cui è ambientato Scarface.

Giusto per non farci mancare nulla, anche nell’Universo Barbie, c’è “fermento immobiliare”. L’ultima trovata di marketing del gruppo Mattel, in risposta al calo delle vendite, è l’annuncio che la biondissima e californiana bambola, dopo il divorzio e il successivo ricongiungimento con Ken, fa le valigie e mette in vendita la sua “Dreamhouse” in miniatura di Malibù. Come riportato dal New York Times, infatti, la nuova campagna pubblicitaria per il 2013 confonderà elementi reali e di fantasia. La Casa dei Sogni comparirà sul sito di annunci immobiliari Trulia e sui social network e i potenziali “acquirenti” potranno anche fare un tour virtuale dell’immobile.
La campagna terminerà a dicembre quando sarà svelata la nuova residenza. Chissà che Barbie non diventi europea.

Claudia Alongi


Potrebbe interessarti anche