Lifestyle

La primavera (appena iniziata) in 5 must

Silvia Ragni
28 Marzo 2019

Primavera, la stagione del risveglio. Una serie di giornate già assolate e tiepide ha sancito il suo ingresso, accantonando (quasi) definitivamente i rigori invernali. Gli alberi in fiore catturano lo sguardo ed invitano alla spensieratezza: nell’aria c’è voglia di nuovo, di voltar pagina.

Non è un caso che, in primavera, lo stato d’animo si sintonizzi sullo stesso desiderio di cambiamento che ci accompagna alla fine dell’estate. Rinvigoriti dalle vacanze, a settembre formuliamo i “buoni propositi per l’autunno” carichi di un’energia amplificata.

Marzo ci sorprende invece con la sua atmosfera frizzante, i tramonti che arrivano ogni sera più tardi, la natura che rinasce. La primavera porta con sé vibrazioni che incidono positivamente sul nostro mood: siamo più curiosi, euforici, ricettivi, ci lanciamo in nuovi progetti e in nuovi amori. Dare una sferzata alla propria quotidianità diventa un input a cui in pochi rimangono immuni. Fare, andare, vedere, gustare, muoversi, diventano imperativi da coniugare con i più intriganti trend di stagione.

Noi ve ne proponiamo cinque: dai viaggi agli hobby, dalla moda ai film fino a concludere con il food, ecco alcuni “must” imperdibili di questa primavera appena iniziata.

Un viaggio: Matera, capitale europea 2019 della cultura
La “Città dei Sassi” va visitata tassativamente. Le sue incredibili doti scenografiche, d’altronde, erano già state immortalate da Maestri del calibro di Pierpaolo Pasolini (che la scelse come location de “Il Vangelo secondo Matteo”), Carlo Levi (che ambientò qui il suo romanzo “Cristo si è fermato a Eboli”) e Mel Gibson (che girò “La passione di Cristo” tra Cinecittà e Matera). Non è un caso che sia soprannominata “la seconda Betlemme”: antichissima (vanta reperti che risalgono al Paleolitico), incantevole nel suo labirinto di viuzze che si alternano alle case scavate nella roccia (i cosiddetti Sassi) ed alle Chiese rupestri, nel 1993 Matera è stata decretata Patrimonio Unesco e non cessa di emanare un fascino potente. Il calendario all’ insegna dello slogan “Open the Future!”, che sancisce il suo status di Capitale Europea 2019 della Cultura, trabocca di eventi disseminati lungo tutto l’anno. Visionateli nel sito www.materaevents.it: non avrete che l’imbarazzo della scelta.

Un hobby: l’arte dell’ikebana
Per celebrare la stagione della fioritura, niente di meglio che iscriversi ad un corso di Ikebana. L’arte giapponese delle composizioni floreali sorse nel VI secolo d.C., in concomitanza con la diffusione del Buddismo nel Sol Levante. Inizialmente prerogativa dei monaci e degli aristocratici, la pratica dell’Ikebana si estese poi a tutti i ceti divulgando un’arte che è una filosofia vera e propria. Avvalendoci di fiori, rami, erba e foglie, con l’Ikebana creiamo delle composizioni armoniche e ricche di significati; si privilegiano i fiori in boccio per simboleggiare la “nascita”, affiancandoli a tre rami che formano un singolo tronco: il ramo più alto, verticale, è l’emblema del cielo, quello intermedio dell’uomo ed il più corto della terra. Dove apprendere questa affascinante disciplina? Rivolgetevi all’Istituto Giapponese di Cultura in Roma o al Consolato Generale del Giappone a per info sui corsi organizzati nella vostra regione.

Un accessorio must-have: le sneakers
Sono il must-have assoluto della primavera/estate 2019: stiamo parlando delle sneakers, presenti in pressoché tutte le collezioni moda. Gli stilisti le rivisitano in una miriade di versioni, sdoganandole dal consueto ruolo che le associa allo sport o alle escursioni outdoor, e le tramutano in uno dei cardini dell’athleisure. Iconiche, stilose, oltremodo cool, le sneakers abbandonano l’allure tradizionalmente “casual” per abbracciare identità sfaccettate: Chanel ne propone un modello in multicolor pastello, mentre Gucci fa furore con le Flashtrek metallizzate, che combinano il tipico design della sneaker con quello di una scarpa da trekking; iper gettonate, le Flashtrek sono addirittura impreziosite da bande tempestate di cristalli iridescenti. Agatha Ruiz de la Prada lancia invece, in connubio con sua figlia Cosima e la boutique on line Es Fascinante, le Zapatillas Cosmicas: coloratissime, giocose e con una zeppa vertiginosa che ricorda le leggendarie sneakers anni ’90 delle Spice Girls.

Un film: “Dumbo” di Tim Burton
Esce nelle sale proprio oggi, il remake di uno dei più amati classici Disney: “Dumbo”, l’elefantino volante, torna in versione “live action” per la regia del visionario Tim Burton. Pensate che sia un film per bambini? Errore. Rimarrete strabiliati innanzi alla magia delle scene e alla bravura del cast, decisamente stellare, che include nomi come quelli di Colin Farrell, Danny De Vito, Eva Green e Michael Keaton. La trama è nota. Holt, un ex artista circense, viene ingaggiato dal proprietario di un circo, Max Davis, per accudire Dumbo, baby elefante dalle orecchie smisurate. Questa particolarità rende Dumbo lo zimbello del circo, ma la sua sorte cambia quando si scopre che è in grado di volare e trasferitosi a Dreamland, il parco di divertimenti dell’imprenditore V.A.Vandevere, riscuote un gran successo esibendosi insieme alla trapezista Colette Marchant. Tra sorrisi e lacrime di commozione, la poetica fiaba di Dumbo vi spronerà a riflettere sul valore aggiunto della diversità.

Una tendenza food: il gelato al tiramisù
Primavera è anche tempo di gelato. Complici le prime scorribande all’aria aperta, una tappa in gelateria diventa imprescindibile, un “assaggio” d’estate da assaporare appieno. Lasciandoci tentare, naturalmente, da ogni tendenza relativa ai nuovi sapori ed ai nuovi aromi. A tal proposito, il 24 Marzo si rivela provvidenziale: in quella data si celebra la Giornata Europea del Gelato Artigianale (detta anche “Gelato Day”), giunta alla sua settima edizione. L’iniziativa, istituita dal Parlamento Europeo con l’intento di valorizzare l’eccellenza del gelato artigianale nel vecchio continente, è un tributo al savoir-faire territoriale più autentico e prevede l’elezione di un gusto dell’anno. Ad aggiudicarsi il titolo per il 2019 è stato l’italianissimo “Tiramisù”, emblema del Gelato Day assieme alla ricetta firmata dal giovane gelatiere Thomas Infanti: prepariamoci quindi a un’invasione di tiramisù in versione coppetta, cono e chi più ne ha, più ne metta. Ci arrenderemo volentieri!

 

 

 



Potrebbe interessarti anche