News

La vita secondo Coach? Surreale, come l’interno del suo nuovo pop-up

Martina D'Amelio
16 giugno 2018

Si chiama Life Coach il nuovo pop-up interattivo presentato dal brand americano nel quartiere di Soho a New York. Una sorta di scrigno surreale e interattivo che invita i clienti ad immergersi nel mondo magico del marchio.

Nulla, nella vita, è come appare: e anche questo, dall’esterno, non si direbbe certo un luxury pop-up store – ma piuttosto un thrifts store dal piglio vintage. La scritta “You are here” sulle vetrine al neon situate al al numero 107 di Grand Street invita i visitatori all’interno, suddiviso in aree ideate in collaborazione con il designer visionario Simon Costin, che accolgono esperienze davvero originali pensate per stupire i fan del brand.

La lettura dei tarocchi, diversi giochi, installazioni d’arte, performance dal vivo e DJ conducono gli ospiti in un viaggio alla scoperta di se stessi e dell’American style, riflettendo la visione di Coach del moderno sogno americano. Gli ospiti del Life Coach pop-up store in primis entrano in una stanza total white trasformata in una stazione della metropolitana, dove si può addirittura scrivere sui muri e riscoprirsi writers d’eccezione, prima di proseguire verso un luna-park con giochi carnevaleschi. Nell’ultima stanza, si giunge in una foresta mistica e oscura, dove farsi leggere le carte.

Un pop-up store d’eccezione che il brand ha voluto celebrare con un evento esclusivo: presenti, oltre al direttore creativo di Coach Stuart Vevers, il ceo e presidente di Tapestry Joshua Schulman; e poi Joan Smalls, Ne-Yo, Luke James, Paloma Elsesser, Soo Joo Park, Londone Myers, Diggy Simmons, Cara Santana, Angel & Dren, Kodie Shane e Vanessa Hong.

Pronti a un’esperienza a dir poco surreale? Se vi trovate nella Grande Mela, avete tempo fino al 17 giugno per viverla in prima persona. Oppure potete consolarvi facendo incetta online dell’ultima, magica capsule della Maison, firmata a 4 mani con Disney e dedicata a Snow White.

 

 


Potrebbe interessarti anche