Lifestyle 2

Lady Gaga in tour a Milano: 5 cose da sapere

Alessandra Cesana
23 gennaio 2018

Il Joanne World Tour di Lady Gaga ha visto Milano come unica tappa italiana: una data attesissima da oltre 10mila fan al Forum di Assago. Stefani Joanne Angelina Germanotta si è esibita in una vera e propria performance a 360°, ricca di cambi di abito ed effetti speciali. Le origini italiane dell’artista, l’affetto nei confronti della città meneghina e l’amicizia con Donatella Versace hanno reso lo show di Milano davvero unico: ecco 5 cose da sapere sul concerto che ha fatto divertire e ballare, ma anche emozionare e commuovere i Little monsters.

1- Nuova Gaga, nuovi fans
La proiezione di “Gaga: Five Foot Two”, il documentario disponibile su Netflix, ha preceduto l’inizio del concerto raccontando la nascita dell’album Joanne e mostrando una Germanotta fragile e sofferente (a causa della fibromialgia che l’ha costretta, a settembre, a posticipare il tour europeo). Persona e non più solo star: anche nello show si è assistito a questo dualismo. Se le grandi hit ci hanno trasportato all’era dell’eccentricità e degli eccessi, i nuovi singoli hanno mostrato una Gaga più riflessiva. Questo cambiamento ha coinvolto persino i fan presenti all’evento: non più agghindati in look vistosi e bizzarri come anni fa, ma decisamente più sobri.

2- Lady Gaga dove sei?
La scenografia sorprende gli spettatori. Il palco principale è composto da piattaforme che si alzano e si inclinano. Nel parterre sono presenti altri due stage, ai quali la pop star accede mediante ponti che scendono dall’alto. Giunti quasi alla fine della performance Lady Gaga sparisce. Ricompare poi nel cielo, come un angelo. Inizia infatti a cantare “Angel Down”, brano col quale ricorda le vittime innocenti delle ingiustizie compiute dalla polizia statunitense.

3- Gaga e Versace
Nota è l’amicizia fra la famiglia Versace e la performer. “My darling Gaga, welcome to Milano! Welcome home!”, scrive Donatella su Instagram e accoglie l’amica preparandole una suite interamente customizzata Versace. La sera, la biondissima stilista si nasconde tra gli spettatori: in numerosi momenti Gaga la omaggia, cantando a cappella “Donatella”, non inclusa nella scaletta, o dedicando a lei, Allegra e Gianni “Edge of Glory”. 
È l’ultimo costume dello show a colpire il pubblico: un body su misura con spalline imbottite e stivali ispirati alla Versace Tribute Collection, decorati con iconiche copertine di Vogue. Un’ulteriore prova del loro sincero legame.

4- L’Italia per Lady Gaga
Per Lady Gaga l’Italia rappresenta le sue origini, la famiglia: uno dei temi centrali della serata, fin dal principio, quando si rivolge per la prima volta ai fan con “Io sono la tua famiglia”. Racconta di essere orgogliosa delle sue origini italiane e di aver incontrato, quel giorno per la prima volta, i suoi cugini, arrivati in città per l’occasione, dalla Sicilia. “Ciao Italia, ti amo Milano”: con queste parole saluta il pubblico ed esce di scena, alla fine dello show.

5- Momento serietà
Non c’è performance in cui Lady Gaga non lanci spunti di riflessione ed esprima i suoi ideali. In “Come to Mama” invita a diffondere l’amore e sostenersi a vicenda, in una società ormai basata sull’individualismo. Estremamente denso di emozioni è il momento di “Joanne”, dedicata alla zia morta prematuramente: “Il dolore ci rende tutti uguali”. Infine la pop star abbraccia uno dei temi a lei più cari, il rispetto della diversità e non manca di citare la comunità LGBT. “You are born this way, baby”.


Potrebbe interessarti anche