News

L’alta sartoria maschile va in mostra a Mantova

Martina D'Amelio
1 Agosto 2019

Il Palazzo Ducale di Mantova si prepara a ospitare “Con Nuova e Stravagante Maniera”, la mostra dedicata a Giulio Romano. In dialogo con le opere dell’artista, anche la moda avrà il suo spazio, grazie alla capsule collection di sartoria maschile firmata Luigi Bianchi Mantova.

Tra arte e fashion. In collaborazione con il Musée du Louvre e con le più importanti collezioni museali, le creazioni architettoniche e scultoree del pittore italiano vissuto a cavallo tra il 15esimo e il 16esimo secolo approderanno nelle sale del polo mantovano e ad accoglierle saranno gli abiti per lui, altrettanto preziosi, realizzati per Luigi Bianchi Mantova da Lubiam, azienda mantovana leader nel menswear d’alta gamma.

L’originale rassegna nasce da un’idea di Peter Assmann, direttore del Complesso Museale Palazzo Ducale di Mantova, da sempre in prima linea per offrire ai visitatori exhibition esperienziali diverse dalle solite. “Giulio Romano è stato un artista eccezionale. La sua nuova e stravagante maniera si applicava in tante diverse forme, dal disegno di un piccolo vaso fino alla decorazione e alla riorganizzazione del Palazzo in forma di città, il nostro Palazzo Ducale di Mantova. In questo contesto si inserisce l’iniziativa del nostro partner, la ditta Lubiam. La capsule collection dedicata a questo artista così interessante va ad arricchire  l’ ampia mostra a Palazzo Ducale”.

Ma cosa vedremo a Palazzo, oltre alle creazioni di Romano? Una linea di alta gamma made in Italy, contraddistinta da lavorazioni preziose e materiali di prima scelta, per l’occasione disegnata da Giovanni e Giulia Bianchi, appartenenti alla quarta generazione della famiglia e alla guida del team creativo di Luigi Bianchi Mantova.

I look in scena sonopensati per essere indossati da moderni artisti del nostro secolo: uomini poliedrici innamorati del buon gusto, oltre che del bel vestire. La dicotomia tra pura bellezza e forza interiore diventa una fonte d’ispirazione per la nascita di questa collezione, fatta su misura per dandy contemporanei: si va dalla giacca con immagini a stampa della guerra di Troia, presenti negli affreschi del Palazzo, fino alle giacche black tie che ripropongono sul revers la Galleria dei Mesi a mo’ di pattern, con i segni zodiacali e la flora lacustre, simbolo dell’abbondanza del territorio governato dai Gonzaga.

 “Siamo usciti dalla nostra comfort zone ed è stata una bella esperienza: non si tratta infatti di una collezione di costumi d’epoca ma di veri e propri outfit adatti al contemporaneoImmagino writer, musicisti, trapper indossare questa collezione” ha dichiarato la designer Giulia Bianchi.

Per tutti i moderni Giulio Romano, l’appuntamento imperdibile con l’alta (e artistica) sartoria è dal 6 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020 nella città lombarda.



Potrebbe interessarti anche