News

L’e-commerce si fa green grazie a Net-a-porter

Martina D'Amelio
21 Giugno 2019

Uno scatto della campagna lancio di Net Sustain realizzato da Ben Weller con la modella Vivian Solari

Net-a-porter lancia Net Sustain: una piattaforma per promuovere e celebrare i brand del celebre e-commerce che soddisfano i criteri di sostenibilità.

26 label per oltre 500 prodotti in materiali sostenibili e riciclati, prodotti localmente e con processi mirati alla riduzione degli sprechi nella catena di fornitura, attenti al benessere umano, animale e ambientale, oltre che all’artigianalità. I pezzi fashion e green presenti su Net Sustain sono presentati su una sezione dedicata del sito, contrassegnati in modo che tutti i clienti attenti all’ambiente possano identificarli facilmente.

I marchi chiave che faranno gola a tutti i green addicted? La pioniera Stella McCartney, ma anche le capsule esclusive firmate Mother of Pearl x BBC Earth e Maggie Marilyn, cosi come i capi stagionali e basici di Ninety Percent, Fisch, Lem Lem, Peony, Veja, Hereu, Nannacay e Chopard. Un parterre ecosostenibile che andrà a infoltirsi col passare delle stagioni, includendo sempre più brand e nuovi capi e accessori. E la rivoluzione eco, fanno sapere dai vertici, presto influenzerà anche il beauty (entro il prossimo anno).

Questo è un importante traguardo nel nostro percorso di sostenibilità. Abbiamo sempre desiderato offrire ai nostri clienti i migliori prodotti e consentire loro di fare scelte consapevoli durante gli acquisti sul sito. La nostra selezione curata di moda consapevole offre ai clienti le conoscenze di cui hanno bisogno, comprendendo che possono fidarsi del fatto che questi brand sono stati attentamente esaminati e soddisfano i nostri criteri di inclusione. Il nostro obiettivo è dare voce ai marchi che stanno apportando cambiamenti positivi fornendo loro una piattaforma per evidenziare le loro migliori pratiche”, ha dichiarato Elizabeth von der Goltz, global buying director del colosso di Ynap.
Una nuova mission, quella di Net Sustain, cha fa eco alle politiche aziendali: diminuire gli spostamenti e l’attenzione al no-plastic sono ora parti integranti dei progetti di Net-a-porter. Ricordiamo che Ynap, poi, è entrato a far parte del Fur Free Retailer Program internazionale della Fur Free Alliance (FFA) nel 2016.

Basta collegarsi al sito per iniziare a fare shopping responsabilmente: Net Sustain è gia realtà (virtuale).



Potrebbe interessarti anche