Leggere insieme

Le più belle storie della Befana

Marina Petruzio
6 Gennaio 2019

Le più belle storie della Befana” è un libro edito da Gribaudo e scritto dalla penna veloce di una narratrice – e scrittrice – d’eccezione, Paola Parazzoli, illustrato dalle coloratissime immagini di Michael Grieco e Francesca Carabelli.

Il fatto è che della Befana poco si parla, di letteratura in merito non ne manca certo, eppure, come accade anche a Santa Lucia, nello spazio dell’attesa del Natale il pensiero, le storie, le leggende come i racconti sono per lo più dedicati all’omone vestito di rosso e alla sua magica allure. Quale bambino o bambina non sogna di vederlo, di parlargli anche solo per un attimo? E la letterina? Impegna la mente dei bambini già da molto prima che arrivi anche solo il profumo del Natale! Il detto lo vorrebbe salame tra due dame, ma da secoli se la cava benissimo e gode dell’amore e dell’attesa di tutti. E se a Santa Lucia si rivolge uno sguardo benevolo e affettuoso, fosse solo per la punizione che le è stata ingiustamente e malvagiamente inflitta, della Befana si ricorda – grazie anche all’unica filastrocca conosciuta da nord a sud – il suo cencioso abbigliamento e il naso adunco adorno di un’ antiestetica verruca. E sebbene sia tradizione emozionante quella di lasciare la calza appesa alla testiera del proprio letto, alla maniglia della porta o alla mensola del camino, in molti non desidererebbero affatto incontrarla e il solo pensiero di trovare al mattino del carbone a imperitura memoria delle proprie marachelle ne ha preoccupato, ma anche preoccupata, più d’uno!

A Paola Parazzoli, autrice dei testi di questo libro illustrato, è stato dato un arduo compito: quello di raccontarla attraverso il tempo, le leggende, le antiche narrazioni popolari, rivisitandole. Di regalarle uno spazio più ampio di quello di vecchia strega su una scopa che porterà pure caramelle e dolci ma che con se, al suo rientro a chissà dove, si porterà via anche le feste, le chiude e l’indomani – sebbene con scorte zuccherine in quantità – la scuola rispalancherà le sue porte!

Il lavoro di backstage non viene mai reso noto ai lettori, che mai immagineranno che lo scrivere la storia è il lavoro conclusivo e felice, non sempre semplice, ma che mette un punto dopo il quale si può voltare pagina. E Paola Parazzoli la volta tante volte. I suoi studi sulla tradizione della Befana partono da molto lontano, dalle antenate della Befana a cui dedica i due racconti del primo dei tre capitoli in cui è diviso il libro: dall’antica Roma con la dea Strenua al Medioevo della bellissima Frau Holle, protettrice delle filatrici, fata buona, signora indiscussa dei campi e delle acque. Bionda e dolcissima ricordava molto la Befana per le cose buone che faceva, ma attenzione a non farla arrabbiare con atti di egoismo o prepotenza: il suo aspetto cambia rapidamente trasformandosi in una vecchia Befana che vola per seminare paura e spavento sull’ignorante malcapitato. Si susseguono nelle storie e nelle leggende della tradizione Befane di ogni genere e tipo, come la Befana magica che gratifica Bartolo e la sua famiglia con un cospicuo raccolto fuori stagione, oli e vini profumati, per premiarli della loro bontà, pazienza e fiducia nel domani. La bellissima storia della buona Befana Berta e della calza rossa, piena del maleficio di vecchie, crudelissime Befane, che resta per sua fortuna impigliata nella tegola del tetto svegliandola e riportandola alla realtà, ispirata a una fiaba di Emma Perodi. O la tenera Befana dei dentini che premia i bambini coraggiosi anche se golosissimi!

La dolce Babuska dei racconti popolari russi – la sua ricerca dei Magi e del re bambino appena nato. Una ricerca che sarà un gironzolare a vuoto ma indimenticabile per tutti quei bimbi che in quello stesso periodo dell’anno, ai primi di gennaio, ogni anno da quella lontana prima volta, la attendono e con lei i suoi preziosi giochi e i buonissimi dolci – e il tenero Jonas e le sue statuine di legno chiudono il libro.

Paola scrive come racconta, in quel modo semplice che arriva così chiaro ai bambini. Se la conosci leggendolo ti sembrerà di sentire la sua voce in sottofondo, mancherà solo una platea di bambini ma anche da grandi scoprire un po’ di più di quell’incanto significa ritornare un po’ lì, ad appendere la calza laddove l’appendevi e andare a letto felice al pensiero di tutto quello che la Befana, Babuska, Berta, Holle o chiunque sia, ti lascerà domani.

Buona Befana!

 

 

Le più belle storie della Befana
di Paola Parazzoli
con le illustrazioni di Michael Grieco e Francesca Carabelli
edito Gribaudo
euro 12,90
età di lettura: per tutti


Potrebbe interessarti anche