Arte

L’Esercito di Terracotta alla Fabbrica del Vapore

Elisa Monetti
30 Novembre 2019

Alla Fabbrica del Vapore di Milano va in scena fino al 9 febbraio lo straordinario percorso espositivo dedicata ad uno tra ritrovamenti archeologici più incredibili della storia dell’uomo: l’immensa necropoli di Xi’An con il suo formidabile esercito di terracotta, che oggi dà vita alla mostra internazionale “L’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina”.

Era il 1974 quando un contadino cinese, nello scavo di un pozzo, trovò alcune statue raffiguranti soldati in dimensione naturale; da questo inaspettato rinvenimento presero avvio gli scavi che, nel giro di qualche anno, riportarono alla luce il mausoleo di Shi Huang, fino ad allora considerato disperso. Già dai primi scavi fu subito evidente che, nei secoli passati, la necropoli avesse subito dei saccheggi: sono solo poche infatti le armi ritrovate, probabilmente trafugate dai ribelli ancora in tempi passati, così come evidenti sono le tracce di un terribile incendio probabilmente causa del crollo del soffitto di una delle stanze. Questo non va tuttavia a togliere il maestoso fascino e il reverenziale timore che ancora oggi suscita in chiunque lo osservi l’esercito di 8000 guerrieri, 18 carri e 100 cavalli di terracotta, scelti dall’imperatore come scorta per la vita ultraterrena.

L’elezione di Milano come luogo espositivo per L’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina ha un forte valore simbolico: si vuole infatti sottolineare in questa scelta i numerosi tratti che accomunano il capoluogo lombardo e la Cina di oltre 2200 anni fa – come raccontano i curatori Mario Iacampo e Fabio Di Gioia, la laboriosità, l’ingegnosità organizzativa abbinata ad una raffinata cura estetica e, non ultima, una forte attenzione al tema della comunicazione.

Nemmeno Fabbrica del Vapore tuttavia è una scelta casuale: essa infatti si trova in un significativo crocevia che la vede ubicarsi tra il Cimitero Monumentale, luogo che per sua natura facilmente si collega al tema dell’eternità e della spiritualità sollevati dalla mostra, e un sempre più nevralgico quartiere cinese, centrale nella vita quotidiana e nell’economia meneghina.

Nei 1800 metri quadrati di esposizione sono oltre 300 i manufatti riprodotti tra statue di soldati, carri, armi e oggetti rinvenuti negli scavi. Nella realizzazione di tali opere artigiani cinesi della regione dello Xi’An si sono avvalsi dei calchi originali, gli unici esistenti, e di materiali e tecniche storicamente fedeli, creando riproduzioni di stupefacente realismo. A chiudere il percorso, un’installazione multimediale costruita ad hoc. Davvero sensazionale.

L’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina
8 novembre 2019 – 9 febbraio 2020
Fabbrica del Vapore, Via G.C. Procaccini 4, Milano
Orari: dal mercoledì al lunedì 10 – 20 / giovedì 10 – 23 / chiuso il martedì

 



Potrebbe interessarti anche