Cultura

L’Histoire de Manon torna in scena al Teatro alla Scala

Benedetta Bossetti
23 Ottobre 2018

Torna in scena al Teatro alla Scala di Milano “L’Histoire de Manon“, dalla storia di Antoine-François Prévost, la coreografia di Kenneth MacMillan del 1974 è ripresa da Julie Lincoln, le musiche di Jules Massenet sono dirette da Felix Korobov.

Un dramma di passione e morte, “L’Histoire de Manon” è un titolo incentrato sulla personalità e le sfaccettature del singolo artista, dove una giovane ragazza, ingenua forse, si getta a capofitto nel vortice della vita, cede alle lusinghe del denaro e ne paga le conseguenze, ma si riscatta grazie all’amore travolgente del giovane e aitante poeta Des Grieux che, travolto dalla passione, per lei uccide.

Un balletto attuale e innovativo, un capolavoro sia dal punto di vista tecnico che interpretativo. Svetlana Zakharova è sempre impeccabile, sensuale e appassionata. Roberto Bolle è un artista magnetico, voluttuoso, artisticamente oltre la perfezione. Insieme, questi straordinari ballerini portano in scena la forza dell’amore, incarnano l’essenza della passione in un condensato di emozioni tangibili, un racconto di lancinante ardore sull’armonia leggera della danza.

Ad accompagnarli, un cast sempre di prim’ordine: un eccellente Nicola Del Freo veste i panni di Lescaut, una perfetta Martina Arduino è l’amante di Lescaut, Alessandro Grillo interpreta Monsieur G.M., Mick Zeni un drammatico e sempre tormentato carceriere e Federico Fresi un acrobatico capo dei mendicanti. Uno spettacolo superlativo, emozionante, tecnicamente perfetto nei complessi e intensi passi a due dei protagonisti. Una vera meraviglia, una rappresentazione da manuale coronata da 14 minuti di applausi e ovazioni.

Nelle riprese vedremo la nostra Nicoletta Manni con Timofej Andrijashenko, Emanuela Montanari con Claudio Coviello.

Ph credits di Brescia Amisano


Potrebbe interessarti anche