Sex

Lui, lei e… gli altri. Perché piace tanto lo scambio di coppia?

Lara Bottelli
19 Febbraio 2014

scambio

Voglia di trasgredire, di mettere alla prova se stessi o il compagno, noia per la solita routine. Sono molte le ragioni che possono spingere a vivere la relazione in modo diverso, fino ad infrangere uno dei capisaldi della coppia nella nostra società, la monogamia.

Abbiamo parlato dell’argomento con la nostra psicoterapeuta e sessuologa Barbara Florenzano.

Secondo la sua esperienza lo scambismo è una tematica “da film” o è davvero un desiderio e bisogno diffuso in coppie reali?
“Non posso fare riferimento all’esperienza clinica perché non si tratta di una parafilia, vale a dire di una pratica sessuale di per sé patologica (sempre se facente parte di una vita sessuale più ampia e articolata della coppia). Tuttavia a giudicare dal proliferare di siti internet e locali notturni dedicati alle persone che amano lo scambio direi che si tratta di un desiderio assolutamente “reale”. Molti la coltivano come fantasia per tutta la vita, si limitano ad immaginare, altri passano all’azione.”

Se è quindi una mira reale (che secondo recenti statistiche riguarda più di 2 milioni di italiani), perché piace così tanto?
“Avere un altro partner sessuale oltre quello ufficiale ovviamente! Per di più con il consenso e la complicità di quest’ultimo. La fedeltà è una disciplina a cui non tutti sono disposti a sottoporsi. Le donne, in alcuni casi, possono soddisfare anche un desiderio esibizionistico, nei locali per scambisti non esistono porte chiuse a chiave… Per lo stesso motivo gli uomini, per di più voyeristi, possono trovare piacere anche come semplici spettatori. In alcuni casi accade che le donne delle due coppie interagiscano tra loro e gli uomini osservino, può essere molto eccitante per loro anche se non intervengono direttamente.”

In che modo questa pratica impatta sulla vita di coppia? In parole povere, quali possono essere i pro e i contro?
“Il sesso è un piacere, non deve essere utile. Di contro nel praticare lo scambio ci si può imbattere in alcune difficoltà. Ho avuto richieste di aiuto da coppie che avevano sperimentato lo scambio sopravvalutando la propria capacità di lasciare libero il partner di esprimersi sessualmente con qualcun altro, lasciando emergere anche aspetti non conosciuti, a volte, al compagno usuale. In altri casi la pratica dello scambio è diventata, per uno dei due, necessaria all’eccitazione, e per l’altra metà questa esigenza è risultata insostenibile.”

Supponendo di essere decisi a provare questa nuova esperienza, come proporlo al partner?
“Probabilmente il modo più soft è iniziando dalle fantasie, lo si può considerare come scenario immaginario. La reazione di lui/lei sarà utile per capire come potrebbe vivere nella realtà un’esperienza del genere, forse aggiungendo o modificando alcune variabili, ad esempio accogliendo nell’intimità prima soltanto un’altra persona e poi, eventualmente, una coppia. Sarebbe utile sondare anche se il partner preferirebbe avere a che fare con coppie completamente sconosciute o già familiari. A volte accade che ci si senta più protetti con degli amici o, al contrario, con persone che forse non si incontreranno mai più e/o con le quali si instaura quell’esclusivo tipo di legame.”

Lara Bottelli