Lifestyle 2

Luisa Spagnoli turns 90

Silvia Ragni
13 settembre 2018

Avere una fan del calibro di Kate Middleton, non è cosa da poco. Chi non ricorda l’iconico tailleurino rosso che la Duchessa di Cambridge indossò a pochi mesi dalle nozze con William d’ Inghilterra? Quell’oufit era firmato Luisa Spagnoli e registrò un autentico boom di vendite. L’azienda perugina si accinge, oggi, a tagliare l’ennesimo traguardo nella sua storia di successo: sorta nel 1928, compie infatti 90 anni. È trascorso quasi un secolo da quando Luisa Spagnoli, già fondatrice della Perugina ed ideatrice del suo leggendario “Bacio”, diede vita ad un’impresa che produceva maglieria in pregiata lana d’angora. Lo spirito pionieristico di Luisa si rivelò anche in questa nuova avventura. I filati venivano ottenuti tramite la pettinatura dei conigli, adottando un metodo totalmente cruelty free. Il trionfo fu immediato: le signore si contendevano quei capi, ricercatissimi emblemi di una nuova eleganza. E se l’imprenditrice umbra non poté mai assistere alla crescita dell’“Angora Spagnoli” poiché morì nel 1935, rimane vivo il ricordo associato alla sua straordinaria figura.

  • Esther Williams indossa Luisa Spagnoli nel catalogo autunno-inverno 1957/58

  • Illustrazione di Brunetta per il catalogo Primavera-Estate 1957

  • Un artwork di Chiara Corio , My best half, ritrae Kate Middleton con un modello Luisa Spagnoli nel 2011

Da sempre attenta al benessere dei dipendenti, dotò lo stabilimento di Fontivegge della Perugina di un asilo nido tra i più all’avanguardia d’Europa; il suo operato fu portato avanti dal figlio Mario che, con la “Città dell’Angora” edificata nel 1947, realizzò un plesso che fondeva produzione, attività ricreative e servizi assistenziali in un connubio di grande stimolo per i lavoratori. Fu sempre Mario Spagnoli a traghettare l’impresa da una dimensione artigianale ad un asset più prettamente industriale, donandole l’impulso per imporsi sui mercati mondiali. Da allora, la griffe ha consolidato il suo impero in una costante evoluzione del know-how da padre in figlio: a Mario è succeduto Lino e nel 1986 Nicoletta Spagnoli, CEO ed attuale Presidente dell’azienda, ha definito i codici di un brand contraddistinto da uno chic classico ma fresco, mai contaminato da eccessivi accenti fashion, che inneggia alla qualità e allo charme. Il lancio di una gamma di accessori, di un profumo e di una linea eyewear permettono alla donna d’oggi di sfoggiare un “total look” Spagnoli. Per il suo 90esimo anniversario, il marchio ha puntato su iniziative a dir poco esclusive. Risaltano, su tutte, il lancio della monografia “Luisa Spagnoli, 90 anni di stile” a cura di Sofia Gnoli, arricchita da prezioso materiale d’archivio, e la sfilata-evento del 18 Settembre nello splendido Palazzo Reale di Milano.


Potrebbe interessarti anche