Fotografia

Magnum’s First: la prima mostra di Magnum approda a Milano

Chiara Di Leva
3 Luglio 2019

New Bond Street, London, Great-Britain, 1953; Inge Morath/Magnum Photos

Un’occasione imperdibile per fare un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta della storia di una delle agenzie fotografiche più importanti al mondo: arriva a Milano, negli spazi del Museo Diocesano Carlo Maria Martini fino al 6 ottobre “Magnum’s First. La prima mostra di Magnum”.

Curata da Andrea Holzherr in collaborazione con l’agenzia, con il patrocinio del Comune di Milano e il sostegno di Rinascente, la rassegna ci fa fare un tuffo nel passato, e più precisamente al periodo tra il 1955 e il 1956, quando cinque città austriache furono ospiti, a turno, della primissima mostra della Magnum Photos. Si chiamava “Gesicht der Zeit”, “Il volto del tempo”, e segnò il successo dell’agenzia, con ottantatré scatti in bianco e nero firmati dai più grandi maestri del fotogiornalismo: Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, Ernst Haas, Werner Bischof, Inge Morath, Jean Marquis, Erich Lessing e Marc Riboud.

On the road to Cuzco, Peru, 1954; Werner Bishof/Magnum Photos

In modo inspiegabile, dopo l’esibizione di Vienna, tutto il corpus di immagini venne perso, abbandonato in una cantina di Innsbruck, per poi essere ritrovato fortuitamente solo nel 2006, ancora chiuso nelle sue casse: “Ciò che trovammo nelle casse – ha raccontato la curatrice Andrea Holzherr – era, a dir poco, sorprendente: una serie di vecchi pannelli di legno su cui erano montate delle fotografie molto sporche. Perciò, il mio primo contatto con la vecchia mostra somigliava più alla scoperta di una mummia che a quella di un tesoro. I materiali erano in pessime condizioni: le foto erano ricoperte di polvere, sporco e muffa, e avevano perfino un odore di stantio!”.

Oggi quelle stesse immagini arrivano negli spazi milanesi: niente è cambiato, le fotografie sono rimaste intatte, invariate nonostante il tempo, l’allestimento non ha subito modifiche, eppure, cinquant’anni sono passati e nulla nel mondo è più come prima.

Dans le jardin du Belvédère, Vienne, Autriche; Erich Lessing/Magnum Photos

Gli otto servizi fotografici si susseguono creando un intenso percorso espositivo che si apre con una sezione introduttiva. Henri Cartier-Bresson racconta gli ultimi giorni di Gandhi, Robert Capa le feste basche, le immagini di Ernst Haas sono scattate sul set del film hollywoodiano “La Regina delle piramidi. Segue la serie di Werner Bischop, che ci narra di storie lontane dal Perù al Giappone, e quella di Inge Morath, l’unica donna del gruppo, con fotografie scattate a Londra; e ancora le opere di Jean Marquis realizzate in Ungheria, quelle di Erich Lessing che documentano l’occupazione nazista di Vienna e per finire i lavori di Marc Riboud, un toccante reportage sulla vita in ex Jugoslavia.

Una, anzi otto, testimonianze imperdibili per (ri)scoprire la storia del nostro tempo e del fotogiornalismo internazionale.

 

Magnum’s First. La prima mostra di Magnum
Dal 8 Maggio al 6 Ottobre 2019
Museo Diocesano Carlo Martini
Piazza Sant’Eustorgio 3, Milano
Orari: da martedì a Domenico dalle 10 alle 18. Chiuso il lunedì.



Potrebbe interessarti anche