Fotografia

Man Ray e le sue donne: a Torino le seduzioni della fotografia

Chiara Di Leva
16 Ottobre 2019

Man Ray. The Fifty Faces of Juliet, 1941/1943. Courtesy Fondazione Marconi, Milano © Man Ray Trust by SIAE 2019

Torino rende omaggio al genio di Man Ray dedicandogli una grande antologica ospitata fino al 19 gennaio negli spazi di Camera – Centro Italiano per la Fotografia.

È stata intitolata “wo/Man Ray. Le seduzioni della fotografia” e raccoglie oltre 200 scatti e immagini firmate dal grande maestro americano. Curata da Walter Guadagnini e Giangavino Pazzola, la rassegna ripercorre il lavoro artistico del fotografo dagli anni ‘20 fino ai suoi ultimi giorni, nel 1976, seguendo come fil rouge la rappresentazione della figura femminile, indagata e ritratta nelle sue infinite sfumature.

Fonte di ispirazione per scrittori, poeti e pittori, le muse di Man Ray sono state innumerevoli, fermate nel tempo e nello spazio dal suo inarrestabile obbiettivo: da Lee Miller a Dora Maar, passando per Berenice Abbott e ovviamente Juliet – la compagna di una vita, a cui è stato dedicato l’immortale progetto “The Fifty Faces of Juiet” –, le donne di Man Ray sono uniche e inafferrabili, tanto che la mostra dedica loro anche un’interessante spazio autobiografico.

Il suo sguardo sensibile ha immortalato corpi e volti con una delicatezza e un erotismo senza eguali, reinventando i generi del nudo e del ritratto. Il corpo femminile di Man Ray diventa un luogo di ricerca in continua metamorfosi, un terreno che con la sua concretezza vira spesso verso l’astrazione, delicatissimo e raffinato oggetto di seduzione.

Una mostra imperdibile che porta in dote anche alcune delle immagini più iconiche della storia della fotografia del secolo scorso.

wo/Man Ray. Le seduzioni della fotografia
Dal 17 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020
Camera – Centro Italiani per la fotografia
Via delle Rosine 18, Torino
Orari: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 11 alle 19. Giovedì dalle 11 alle 21. Chiuso il martedì.