Arte

Marc Chagall in mostra a Mantova: un sogno ad occhi aperti

Elisa Monetti
1 settembre 2018

Arriva a Mantova, negli spazi restaurati di Palazzo della Ragione, Marc Chagall – Come nella pittura così nella poesia. Visitabile dal 5 settembre fino al 13 gennaio 2019, la mostra apre in concomitanza con Festivaletteratura, la storica cinque giorni mantovana tutta all’insegna del divertimento culturale.

“La felicità non è felicità senza una capra che suona il violino”: sono le parole con cui una bellissima Julia Roberts in “Notthing Hill” s’innamora del giovane libraio interpretato da Hugh Grant; ed è in quelle parole, e in quel sentimento, che sta tutta la magia di Marc Chagall.

Nato a fine ‘800 sotto l’Impero russo, nell’attuale Bialorussia, partecipa entusiasta alla rivoluzione e, nello stesso periodo, si afferma come artista diventando Commissario dell’Arte nella regione di Vitebsk. Entra tuttavia in contrasto con il regime dei Soviet, per il quale l’unico linguaggio accettabile per l’arte era il suprematismo, tanto lontano dai suoi paesaggi onirici. Nel 1923 decide pertanto di trasferirsi con la famiglia a Parigi, non tornerà più nella sua amata terra natia.

La Francia rappresenta per lui un inesauribile bacino d’ispirazione: immerso nel mondo delle avanguardie accoglie numerosi insegnamenti senza però mai tradire il suo sentire. Seppur rivisitati e con numerosi elementi di novità, resteranno sempre presenti nelle sue opere, le tracce della sua tradizione russa ed ebraica raccontata in visioni sognanti piene di colori accesi e personaggi fluttuanti.

Ospitate in mostra a Mantova saranno oltre 130 opere, tra cui il ciclo completo dei sette teleri dipinti per il Teatro ebraico da camera di Mosca da Chagall nel 1920, eccezionalmente esposti in Italia. Opere dalle dimensioni monumentali, anche 8 metri per 3, per certi versi distanti dalla classica cifra stilistica del pittore, fatta di colori intensi e atmosfere da sogno, ma che rappresentano perfettamente il dibattito artistico della Russia post rivoluzionaria. Saranno ambientate in una vera e propria ricostruzione del Teatro ebraico da camera, per cui l’artista si era occupato anche di scenografie, sipario e costumi.

Un occasione davvero unica di vedere e vivere il sogno ad occhi aperti che è stato Marc Chagall.

 

 

Marc Chagall – Come nella pittura così nella poesia
5 settembre 2018 – 13 gennaio 2019
Palazzo della Ragione, Piazza Erbe, Mantova
Orari: da martedì a domenica 9:30 – 19:30


Potrebbe interessarti anche