Luoghi

Milano risocentrica: mangiare bene da Officina del riso

Giorgia Giuliano
3 Aprile 2019

Ce l’hanno sempre detto che nella botte piccola c’è il vino buono. Più che di vino però stavolta tocca parlare di riso che a Milano è giallo, cremoso e col midollo, anche se tra le righe del menu di Officina del riso la città ha un sapore che sembra quasi nuovo: sarà lo zafferano di Geordie che è una bella scommessa per Via Marghera (zona Wagner), ma che è soprattutto una scommessa vinta.

Non chiamiamoli meccanici i due soci ideatori di questo format risocentrico: Luca Gruttadauria ed Edoardo Maggiori sono a capo di una vera e propria officina di sperimentazione dove il Giappone ha un sapore così riconoscibilmente italiano. Forme minimal ed esteticamente azzeccate e i colori vividi e sinceri di materie prime di qualità accostate in modo da creare compromessi gastronomici da provare tutti in una sera a cena.

Officina del riso è una sorta di bivio culinario: nel menu ci sono i classici (ma non troppo!) risotti, quelli ben mantecati e al piatto dove però c’è sempre – a trionfare – un bel pezzo d’ingrediente ben in vista o una quenelle, come nel caso del Saporito Confit. Da provare è anche il Rosso di Sera con barbabietola, pecorino e rucola selvatica o il simpatico Due piccioni con una fava, con colomba e fave sbollentate.

Il locale propone anche i gunkan – si legge in giapponese ma si mangia italiano: ananas, lardo, granella di pistacchio e pepe nero, o lardo con miele, tartare di vitello e olio nocciola. E che dire dell’ambizioso roll con Jamon iberico, gazpacho e guacamole? Insomma, i gunkan sono il vero asso nella manica di Officina del Riso. Sono accurati, studiati, dettagliati e piacevoli da condividere. Instagrammabili, certo, perché dopo tutto bisogna stare al passo con questi tempi così social. Il riso utilizzato è il Lomello, simile al Carnaroli ma più cremoso.

Officina del riso è anche mixology: ottimi drink da alternare a capolavori geometricamente inediti, dai sapori esaltati e dagli ingredienti eccellenti. Senza dubbio un’officina all’avanguardia.



Potrebbe interessarti anche