Leggere insieme

Mini Coniglio – Perso non troppo

Marina Petruzio
7 Marzo 2020

Scritto e illustrato da John che di cognome fa Bond, “Mini Coniglio – Perso non troppo”, dai tipi di Zoolibri, è la divertente storia di una torta. È un percorso, un lungo cammino, dentro e fuori il bosco, su e giù per collinette e poi sino al mare e ancora su, lassù dove nevica e tira vento e poi a casa di corsa, a ritroso, perdendosi solo un po’ ma non troppo, alla ricerca dell’unico ingrediente mancante. Ma è irresistibile, quando ti ricordi di aver visto una cosa proprio là, è là che devi tornare.

Superati i risguardi di un bel colore turchese intenso, il piccolo lettore si trova innanzi un quadrivio: bosco delle bacche, città, spiaggia o fattoria? Non sempre le scelte sono semplici, ma c’è un bel sasso, ci si può sedere e pensarci un po’ su.

Nel frattempo, poco più in là, un merlotto canta a squarciagola la dedica: per Evie & Otto, dice la melodia, mentre gli occhi di un grande pino ci portano a concentrarci sulla collinetta verde, dove Mini Coniglio è fermo, forse in attesa di capire da che parte andare. È perfetto, ha tutto ciò che gli serve per intraprendere il cammino, la sua traversata del bosco, nel bosco. Indossa una maglietta a righe bianca e blu che lo rende ben visibile, nonostante l’esigua altezza, tra i viola e gli scuri del bosco; sulle spalle uno zaino rosso come un fanalino a segnalare la sua posizione. Orecchie tese e occhio spalancato! Ma qui siamo già avanti nella storia nonostante si siano appena passati i risguardi. Qualcosa è successo prima e questo qualcosa è che non ci sono bacche per guarnire la torta, quelle grosse, succose, acidule sfere rosse che ti fanno arrivare in bocca una calda acquolina al solo pensarle. Non una torta qualsiasi ma la torta, la torta, la torta! La tortaaaaa! Da cui si evince che a Mini Coniglio la torta piaccia proprio tanto…anche il gelato peró.

Allora c’è farina, ci sono le uova, il burro e la bella ciotola nella quale amalgamare il tutto, ma ahimè la scoperta terribile arriva ad un tratto quando mamma Coniglio guardando nel barattolo delle bacche rosse lo trova vuoto! Mini Coniglio non ci pensa due volte e ancor prima che la mamma tenti di fermarlo lui ha già preso il suo zainetto rosso, è già fuori e mentre ripetete tra sé e sé Io voglio la torta! La torta, la torta, la torta! Io posso trovare le bacche, è già lontano. Può fare da solo, insomma. Ha una meta precisa, sa dove trovare le succulente bacche rosse, oltre le colline, superato il grande campo giallo di spighe ondeggianti, oltre il bosco oscuro, al di là dell’isola del faro, su, sulla grande e fredda cima della montagna innevata, dentro la grotta dell’orso. Non si occuperà dei figuri che gironzolano nel bosco, non presterà attenzione al signor pescatore in cerata gialla che sembra conoscerlo, nè dell’alpinista, tanto meno agli occhi che lo seguono acquattati tra i cespugli. La torta…la torta…la torta! Cerca le bacche Mini Coniglio e no!, non è troppo piccolo per farlo, per continuare a correre, lontano, molto lontano da casa. Sino a…perdersi, ormai con le belle bacche rosse tonde e mature tra le zampette. Ma proprio mentre la disperazione lo assale ecco che silenzioso, ondeggiante, sinuoso, un profumo giocherella col naso di Mini Coniglio, non sarà allora difficile trovare la strada di casa.

In una storia molto dinamica, raccontata per immagini che continuano a cambiare: prospettiva, tagli di impaginazione, successioni, talvolta come una graphic novel quasi a balloon, altre a tutta pagina come un albo illustrato e i colori: dai caldi e sereni rosa, dai verdi tenui ai cupi viola, ai freddi grigi, è quel profumo che porta in un’altra dimensione che non dice solo torta calda, ma dice mamma e casa, cura e amore. E dopo tutto quel vagare, salire e scendere, andare lontano, ecco allora rientrare e abbandonarsi in un nido caldo, nel posto per eccellenza in cui tornare per gustarsi finalmente…un gelato!

 

Mini Coniglio – Perso non troppo
scritto e illustrato da John Bond
collana “gli illustrati”
tradotto senza perdersi nel bosco da Zoolibri
edito da Zoolibri
€16
età di lettura: dai 4 anni