News

Missoni punta sui giovani e rilancia M Missoni

Martina D'Amelio
13 aprile 2018

La chiusura dello store milanese di M Missoni in Corso Venezia 2 con tanto di vendita straordinaria non prometteva bene. Oggi conosciamo con certezza i motivi: il brand pret-a-porter più giovane di Missoni è pronto al rilancio, con una nuova licenza produttiva, un nuovo stile e una nuova strategia retail.

MMissoni non sarà più realizzata da Valentino Fashion Group: la gestione dell’etichetta passa in house a partire dalla collezione primavera-estate 2019. Una strategia d’internalizzazione nata dalla naturale scadenza del contratto con VFG, ma volta a un più ampio restyling del brand, che sarà così disegnato dal direttore creativo Angela Missoni in sinergia con la main line. M Missoni verrà prodotta in partnership con Gilmar: un’azienda scelta “in virtù della sua solida struttura produttiva, dell’ottimo livello qualitativo del prodotto e del know how nel settore della maglieria” si legge in una nota. Una rivoluzione messa in atto con la convinzione che M Missoni rappresenta un punto di forza ed un importante elemento di potenziale sviluppo per l’azienda di Sumirago, nata nel 1953. E considerato che a oggi è distribuita in più di 60 Paesi nel mondo con oltre 1.000 punti vendita e registra un fatturato di 50 milioni di euro, non si può di certo dargli torto.

Ma quali sono gli obiettivi principali di questo riposizionamento? In primis, una scelta stilistica, che mira a una più chiara differenziazione della linea in ottica giovanile, che l’azienda punta a raggiungere anche con l’introduzione di una collezione ad hoc di borse e piccola pelletteria.

Il progetto di crescita di MMissoni prevede inoltre un più efficace coordinamento strategico nelle attività di comunicazione, un’implementazione del retail diretto, il lancio di un sito e-commerce, lo sviluppo del canale wholesale e dei mercati del Far East. Il tutto da creare nei nuovi spazi milanesi destinati a showroom ed ufficio stile, che verranno aperti a maggio in via Amedei 8. Insomma, grandi manovre attendono lo storico marchio italiano: non resta che vedere dove lo porteranno.


Potrebbe interessarti anche