News

Moncler e UNICEF ancora insieme per i bambini

Beatrice Trinci
28 ottobre 2018

Per il secondo anno di fila Moncler consolida la sua partnership con UNICEF, attraverso il progetto Warmly Moncler. Il marchio di Remo Ruffini rinnova il suo nobile impegno a sostegno dei bambini meno fortunati, che a causa della povertà e delle avverse condizioni climatiche vivono situazioni estreme nelle zone più fredde del mondo.

Con questa speciale iniziativa il brand francese, nato nel 1952 e specializzato in abbigliamento invernale, garantirà ai più piccoli e alle loro famiglie degli utili kit per la stagione fredda, composti da coperte, cappelli, guanti, sciarpe, scarpe e calzini. Un alleato caldo e fashion, che va ad aggiungersi a forniture di combustile per riscaldare case, aule scolastiche e spazi, che permetterà a tutti i bambini di giocare e vivere serenamente nei mesi invernali. UNICEF e Moncler provvederanno anche a beni di prima necessità come cibo, acqua potabile e medicinali, al fine di aiutare oltre 20 mila famiglie, che vivono prevalentemente tra  Nepal e Mongolia, a superare il clima avverso.

La partnership tra Moncler e UNICEF non è isolata: da sempre il futuro dei bambini rappresenta, infatti, un impegno per la Maison a sostenere le generazioni più giovani in difficoltà.

I bambini che nel mondo già vivono in condizioni di forte vulnerabilità con l’arrivo dell’inverno devono affrontare un nemico in più: il freddo, che può compromettere la loro salute, fino a minacciarne la sopravvivenza”, ha commentato Paolo Rozera, direttore generale di UNICEF Italia.

Per sensibilizzare la clientela sull’iniziativa “Warmly Moncler” e sulle attività umanitarie promosse da UNICEF, il brand dedicherà inoltre uno spazio a questo importante progetto nella boutique Moncler enfant di via della Spiga a Milano e nel flagship di Aoyama a Tokyo.


Potrebbe interessarti anche