‘Non fate i bravi’, gli scatti di Oliviero Toscani in mostra per Benetton

Cecilia Dardana
20 gennaio 2018

È emblematico il titolo della mostra che si terrà a Palazzo Strozzi, a Firenze, durante Pitti Bimbo 86. “Non fate i bravi” si chiama e ricorda molto una frase che lo stesso autore in mostra, il fotografo Oliviero Toscani, aveva detto: “È più facile fotografare la guerra che i bambini. Provateci voi a fotografare quattro bambini su un fondo bianco mentre urlano, piangono, chiamano la mamma”. Ma il mago dell’obiettivo, che ha firmato numerose campagne pubblicitarie per le collezioni bambino di Benetton, ha ottenuto sempre dei risultati straordinari.

Basta guardare gli scatti celebri, esposti dal 18 al 21 gennaio, dagli anni Ottanta fino all’ultima campagna, quella della collezione per l’estate 2018, che rappresenta un ritorno alle origini per Benetton: design essenziale e colori protagonisti.

È il 1983 e Toscani firma la prima favolosa campagna per la casa di moda dell’operoso, colorato e assai happy Nord Est: è la prima volta che la 012, il marchio dedicato ai piccoli, lanciato da Giuliana Benetton nel 1971, diventa di tutti i colori e per bimbi di ogni parte del mondo. Nel ‘91 esce Colors Magazine e in copertina compare Giusy appena uscita dalla pancia della mamma e ancora attaccata al cordone ombelicale. Sette anni più tardi Oliviero usa modelli diversamente abili e le loro famiglie per illustrare il catalogo Girasoli. Finché, nel 2017, esce la nuova campagna sull’integrazione realizzata in una scuola multietnica di Milano.

Sono tutte immagini iconiche che hanno fatto la storia di quarant’anni di collaborazione e che vale davvero la pena rivedere.