News

Non solo Westwood: una nuova capsule strategy per Burberry

Martina D'Amelio
13 luglio 2018

La co-lab appena annunciata con Vivienne Westwood sarà solo la prima di una lunga serie di capsule collection che vedranno sotto i riflettori Burberry. Il direttore creativo Riccardo Tisci  ha fatto sapere che punterà sulla realizzazione di una serie di collezioni in limited edition da dicembre in poi, seguendo l’esempio di altri brand illustri.

Un’ampia capsule strategy volta a fidelizzare i clienti con una serie di drop esclusivi, progettata per mantenere sempre up-to-date le linee e rinfrescare il prodotto in commercio: il progetto si concentrerà su frequenti release durante l’anno, firmate a 4 mani con altri creativi. Un modello già sperimentato tra gli altri da Moncler, che segna un’evoluzione della classica modalità di presentazione in modalità see now buy now di Burberry. “La nostra strategia di go-to-market riguarda consegne più frequenti e più piccole, ed è una strategia che continuerà per ora: se consegniamo subito l’intera collezione, il cliente rischia di non sentire motivo di tornare indietro, a meno che non siamo in grado di offrire qualcosa di nuovo. Abbiamo solo bisogno di mantenere l’attenzione del cliente“, ha dichiarato Marco Gobbetti, ceo del brand.

In seguito alla nomina di Riccardo Tisci come direttore creativo a marzo 2018, il marchio non ha smesso di sorprenderci. Non resta che vedere i frutti di questi drop esclusivi e vedere quali saranno i prossimi. Occhi puntati sulla sfilata alla London Fashion Week del prossimo 17 settembre: riuscirà la peculiare combinazione di collezioni in tempo reale, capsule e edizioni limitate a tenere banco? Come sarà la nuova Burberry? Per ora, quel che abbiamo visto ci piace.


Potrebbe interessarti anche