News

Olivier Lapidus dice addio a Lanvin

Martina D'Amelio
23 marzo 2018

Lo stilista Olivier Lapidus, ormai ex direttore artistico di Lanvin

Aria di cambiamento in casa Lanvin. Olivier Lapidus abbandona il suo ruolo di direttore artistico – solo la prima di una lunga serie di novità che investiranno la storica casa di moda.

Dopo solo un anno alla guida della direzione creativa, lo stilista lascia la Maison francese fondata nel 1889 da Jeanne Lanvin, da febbraio nell’orbita del colosso cinese Fusion Fashion group: le collezioni femminili finiscono nelle mani dell’ufficio stile, fino a nuova nomina. Lapidus, dal canto suo, ha fatto sapere che tornerà a concentrarsi sul proprio marchio.

L’annuncio arriva direttamente dai vertici di Lanvin, investiti da un altro importante cambio: Joann Cheng, presidente di Fosun Fashion group e del consiglio di amministrazione del marchio, è stata infatti nominata amministratore delegato per un periodo transitorio, mentre Nicolas Druz, dal 2017 general manager, passerà al nuovo ruolo di managing director di Fosun Fashion Group per sostenere l’espansione del gruppo in Europa. Le nuove nomine sono immediatamente operative: proprio sotto la loro responsabilità il team di design Lanvin creerà le linee womenswear.

Olivier ha guidato la Casa attraverso il periodo di transizione tra le due proprietà“, afferma Joann Cheng, nuovo ceo ad interim di Lanvin fino alla scelta di un nuovo ad permanente. “Lo ringraziamo per questo, e gli auguriamo ogni successo per il suo brand e per i suoi lavori futuri.

Nel cercare candidati per le posizioni permanenti di ceo e direttore artistico, vogliamo assicurarci di trovare chi condivide lo spirito di Lanvin, per garantirgli un rilancio vero e proprio”.

La casa di moda ha visto negli anni diversi cambiamenti alla direzione creativa: prima l’uscita improvvisa di Alber Elbaz nel 2015, poi l’exit di Bouchra Jarrar nel luglio 2017, fino a oggi con l’addio di Lapidus. Fosun prepara dunque la nuova squadra per il rilancio della storica griffe: quanto tempo ci vorrà? Staremo a vedere.


Potrebbe interessarti anche