Cultura

Opera e balletto arrivano a casa anche ai tempi del Coronavirus

Benedetta Bossetti
24 Marzo 2020

Come tutti palcoscenici d’Italia, anche il Teatro alla Scala di Milano al momento rimane chiuso per l’emergenza Coronavirus. Opera e balletto mancano a tutti gli appassionati e agli estimatori dell’eccellenza scaligera; ma per fortuna proprio in questi giorni la Rai porta tutta la magia del teatro nelle case degli italiani, con un’iniziativa straordinaria orchestrata con il palco meneghino: uno spettacolo al giorno da poter vedere comodamente sul divano e regalare un po’ di svago a tutti durante l’isolamento.

Fino al 21 aprile la piattaforma RaiPlay mette infatti a disposizione uno spettacolo al giorno: 30 produzioni – ciascuna disponibile per un mese dalla data di pubblicazione – in gran parte inedite per il web. Dal 6 aprile, invece, per quattro settimane Rai5 trasmetterà un’opera al giorno, dal lunedì al venerdì, alle ore 10; ogni mercoledì si aggiungerà una seconda opera alle 21.15 per un totale di sei titoli alla settimane.

Orchestra, Coro e Corpo di Ballo saranno sempre quelli del Teatro alla Scala, pronti ad allietarci con spettacoli straordinari. Giusto per fare qualche esempio di questo ricchissimo palinsesto: su RaiPlay verranno presentati “I masnadieri” di Giuseppe Verdi (24 marzo, direttore Michele Mariotti), “L’Orfeo” di Claudio Monteverdi (25 marzo, direttore Rinaldo Alessandrini), “Götterdämmerung” di Richard Wagner (26 marzo, direttore Daniel Barenboim, regia e scene di Guy Cassiers), “La Bella addormentata nel bosco” di Pëtr Il’ič Čajkovskij, regia Rudolf Nureyev (27 marzo, direttore Felix Korobov, artista ospite Polina Semionova con Timofej Andrijashenko). Su Rai5 invece verranno trasmessi “Il cappello di paglia di Firenze” di Nino Rota (24 marzo, direttore Bruno Campanella, regia, scene e costumi di Pier Luigi Pizzi, con Juan Diego Flórez, Elizabeth Norberg-Schulz), “Sogno di una notte di mezza estate” di George Balanchine (26 marzo, direttore Nir Kabaretti, étoiles con Alessandra Ferri, Roberto Bolle, Massimo Murru), “Il viaggio a Reims” Gioachino Rossini (29 marzo, direttore Ottavio Dantone, regia di Luca Ronconi, scene di Gae Aulenti, costumi di Giovanna Buzzi).

 

Ph Credits: Brescia/Amisano Teatro alla Scala

 



Potrebbe interessarti anche