Fotografia

Paolo Pellegrin: un’antologia al MAXXI di Roma

Chiara Di Leva
16 Gennaio 2019

Moments after an Israeli air strike destroyed several buildings in Dahia. Beirut. August 2006 © PAOLO PELLEGRIN/MAGNUM PHOTOS

Fino al 10 marzo, le sale del MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo di Roma ospitano “Paolo Pellegrin. Un’Antologia”.

Frutto di due anni di intenso lavoro, la mostra è una selezione di più di 150 immagini, tra cui numerosi lavori inediti e video che ripercorrono oltre vent’anni della carriera del fotografo, dal 1998 al 2017. Membro dell’agenzia Magnum Photos dal 2005 e vincitori di moltissimi prestigiosi premi, tra cui il World Press Photo Awards, Paolo Pellegrin è considerato uno dei maestri dell’obbiettivo del nostro secolo, grazie alla sua sensibilità e capacità di cogliere le molteplici sfumature del reale.

  • Kurdisn peshmerga mourn the death of one of their comrades, a tank driver killed by an ISIS sniper, as they were about to leave Bashiqa after a day of battle. Iraq 2016 © PAOLO PELLEGRIN/MAGNUM PHOTOS

  • Angelina gioca in casa dI sua nonna Sevla. Roma. Luglio 2015 © PAOLO PELLEGRIN/MAGNUM PHOTOS

  • Soldiers of the 9th Iraqi armoured division engage with ISIS militants in the Entesar neighborhood in the eastern side of the city of Mosul. Iraq 2016 © PAOLO PELLEGRIN/MAGNUM PHOTOS

Curata da Germano Celant, l’esposizione è un incontro tra il buio e la luce, opposti e complementari del linguaggio espressivo di Pellegrin: proprio a partire da questi due elementi si struttura il percorso dello spettatore, altamente immersivo e vivo di grande intensità. La prima sezione comincia nell’ombra, il colore nero domina la scena e le immagini prevalenti sono quelle che raccontano storie di uomini sofferenti, tra guerra, distruzione e forti emozioni. A contrastare questo buio umano, segue uno spazio luminoso, caratterizzato da fotografie che vedono protagonista la natura, qui immortalata in tutta la sua bellezza e potenza, a sottolineare quel contrasto romantico tra uomo e ambiente. A collegare le due parti, sia fisicamente che metaforicamente, un entr’acte rivela la ricerca dietro questi poetici scatti.

Un vero viaggio attraverso il linguaggio di Pellegrin, che svela al visitatore il lungo e complesso “dietro le quinte” del processo artistico, ricco da un lato di severe regole tecniche e dall’altro di emotività e istintività. La lunga ricerca che precede l’immagine è al centro della rassegna: Celant sottolinea in questa occasione l’importanza del coinvolgimento personale del fotografo, che per anni ha viaggiato in tutto il mondo per documentare, armato unicamente della sua macchina fotografica, l’inscindibile legame tra uomo e natura.

 

Paolo Pellegrin. Un’Antologia
Dal 7 Novembre 2018 fino al 10 Marzo 2019
MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo
Via Guido Reni 4/a, Roma
Orari: Martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e domenica 11 – 19; sabato 11 – 22. Chiuso il lunedì



Potrebbe interessarti anche