News

Paul Surridge e Roberto Cavalli: divorzio in vista?

Martina D'Amelio
25 Marzo 2019

Sembra proprio che Paul Surridge lascerà la guida creativa di Roberto Cavalli. Voci insistenti danno quasi per certo il divorzio tra lo stilista inglese e la Maison toscana.

Stando a Wwd, le motivazioni principali sarebbero dovuto a un malcontento dello stesso designer, deluso dalla mancanza di investimenti del brand italiano: una frustrazione che lo starebbe portando alle dimissioni. Sotto accusa il deficit nello sviluppo e nel rinnovamento della rete di negozi, nel marketing e nelle comunicazioni. Una marcia indietro che non avrebbe giovato al team creativo, le cui risorse sarebbero ridotte al minimo indispensabile.

La situazione in cui naviga il marchio d’altronde non è delle migliori: la decisione della scorsa estate di cercare un investitore esterno e, più recentemente, di non concedere altri finanziamenti avrebbe reso impossibile il progetto originale ideato dal designer. I sindacati in questi mesi hanno espresso forti preoccupazioni per il futuro dell’azienda e dei suoi dipendenti, senza contare i rumors sul possibile interessamento di Philipp Plein e del fondo americano Bluestar Alliance.

Surridge è stato nominato direttore creativo di Roberto Cavalli nel 2017 dopo l’uscita di Peter Dundas nell’ottobre 2016 e la sua ultima collezione al momento è quella per l’autunno-inverno 2019/2020, presentata a Milano il mese scorso. Diplomato alla Central Saint Martins di Londra, Surridge è stato in precedenza consulente del menswear di Acne Studios, oltre che direttore creativo di Z Zegna dal 2011 al 2014. Nel suo cv anche esperienze da Jil Sander, Calvin Klein e Burberry.

La società, controllata da Clessidra dal 2015, non ha commentato. Ma sembra proprio che il matrimonio finirà presto. E stando alla testata, il designer starebbe guardando altrove e avrebbe già ricevuto alcune nuove proposte. Staremo a vedere.

 



Potrebbe interessarti anche