Pensioni, ritocco aliquote autonomi fino +0,15 punti

staff
20 gennaio 2012

Un nuovo ritocco per le aliquote contributive dei lavoratori autonomi che aumenteranno a regime nel 2016 di altri 0,15 punti percentuali. E’ questa la copertura individuata con un emendamento dei relatori al milleproroghe per finanziare le modifiche alla riforma delle pensioni sui lavoratori ‘esodati’ e i ‘precoci’. Tuttavia, questa potrebbe essere una soluzione tampone per l’approvazione della proposta di modifica nelle commissioni e la copertura potrebbe essere modificata in Aula a Montecitorio o in seconda lettura al Senato.

Con effetto dal primo gennaio 2013, si legge, le aliquote contributive pensionistiche dei lavoratori artigiani, commercianti e coltivatori diretti, mezzadri e coloni iscritti alle relative gestioni autonome dell’Inps e l’aliquota contributiva per gli iscritti alla gestione separata sono incrementate di 0,01 punti percentuali. Dal primo gennaio 2014 le aliquote sono incrementate di 0,04 punti e di altri 0,05 punti percentuali dal primo gennaio 2015. In pari misura dal primo gennaio 2016 fino a conseguire un incremento complessivo di 0,15 punti percentuali.

Con la manovra di dicembre l’aliquota contributiva dei lavoratori artigiani e commercianti era già stata aumentata all’1,3% nel 2012 e di 0,45 punti percentuali per ogni anno successivo fino a raggiungere nel 2018 il 24%. Adesso si va ad aggiungere, a partire dal 2016, altri 0,15 punti percentuali.

 

Fonte: TMNews