Children's

Pitti Bimbo 74: le nuove tendenze sfilano in passerella

staff
22 gennaio 2012

Anche quest’anno i più importanti marchi dell’abbigliamento bambino hanno presentato le proprie collezioni per l’autunno-inverno 2012-2013 negli spazi espositivi della suggestiva Fortezza da Basso a Firenze: si è infatti appena conclusa la 74esima edizione di  Pitti Bimbo, la fiera internazionale del childrenswear, con grande successo di pubblico.
Un successo consolidato non solo tra gli stand, ma anche a bordo passerella. Sono infatti moltissimi i brand che hanno deciso di presentare i propri capi attraverso le sfilate, indubbiamente uno degli appuntamenti più attesi della manifestazione.
La pelliccia è uno dei capi di tendenza per la prossima stagione invernale. Lo conferma Anna Molinari con l’attesissimo show Miss Blumarine. Piccole modelle (tra le quali anche le figlie di Claudia Gerini, Benedetta Parodi e Alice Gilardino) sfilano su una passerella ispirata al mondo della musica, con look anti-freddo davvero ricercati: la pelliccia perfetta è bianca se abbinata a dettagli dorati, diventa marrone per poi rivestirsi d’azzurro, trasformandosi in colbacco. E non finisce qui: la ritroviamo anche negli scaldacolli, sulle borsette e come prezioso dettaglio sui bordi degli abitini. Un lusso che guarda direttamente al mondo degli adulti, per bambine che sembrano già grandi. In antitesi Miss Blumarine decreta anche il ritorno del nero: un colore riletto in chiave rock grazie ad arditi accostamenti cromatici con il rosa e il giallo, ma anche grazie all’utilizzo di tessuti inusuali nella moda bimbo, come la pelle intarsiata a mo’ di pizzo.
Da Miss Grant l’atmosfera tesa per la decisione del brand di tenere la sfilata a porte chiuse, in simbolo di lotta alla contraffazione, viene rallegrata da una passerella a misura di bimbo: in scena capi pratici come t-shirt stampate, leggings bicolor e tute impreziosite da rouches. Non manca anche qui la pelliccia rivista in chiave ecologica, che compare sulle borse a tracolla, su divertenti paraorecchie e va ad impreziosire il gilet in lana e il montgomery con alamari in corda rivestiti da piccole paillettes. Le tonalità principali sono il grigio perla e il cammello, ma anche il nero e l’ottanio, vera novità cromatica della collezione. Anche Grant Garçon ha il suo spazio e presenta uno stile loose: l’abbigliamento di tendenza per i maschietti è quello che unisce tessuti pratici come la felpa a dettagli sartoriali inediti, con un occhio attento agli accessori.
Da Elsy l’abbigliamento è easy-to-wear: su una passerella che ricrea un laboratorio di sartoria, sfilano capi versatili dalla massima vestibilità. Attenzione è data alla maglieria dai toni caldi, e ricompaiono gli inserti di pelliccia, il must have del prossimo inverno. Per la sera poi le Elsy girls si vestono di pois di paillettes luccicanti nei toni del grigio e dell’argento, o nel classico black &white.
La parola d’ordine per il prossimo autunno-inverno sembra quindi “brillare”: non poteva mancare un tributo speciale a chi illumina i capi dei marchi più importanti della moda da oltre cento anni. Stiamo parlando della celebre Swarovski Elements, che produce i cristalli più pregiati del mondo. Lo stile totally sparkling è andato in scena nella sfilata organizzata dal celebre marchio con Vogue Bambini. Oltre 30 capi d’abbigliamento appartenenti a 26 brand diversi compaiono in passerella, dando vita ad uno spettacolo davvero sfavillante. Little Marc Jacobs rallegra i personaggi delle sue t-shirt con questo tocco di luce, I Pinco Pallino impreziosiscono i loro abitini e Moschino fa brillare i monumenti delle città più famose del mondo stampati sulle sue creazioni, ma la lista degli Swarovski Elements supporters è davvero lunghissima (Chloé, Petit Bateau, Il Gufo, Tartin&Chocolat, Richmond Junior, Rykiel Enfant…).
Atmosfere romantiche invece quelle che si respirano sulle passerelle di Twin Set-Simona Barbieri e Monnalisa, che quest’anno ha scelto la location de Le Pagliere per presentare il suo fashion show e un delizioso chocolate cocktail. Daywear per lui e per lei va in scena da Fun&Fun e Sarabanda, mentre lo streetwear è protagonista nella sfilata di Ice Iceberg. Piccole bambole moderne sono invece accompagnate sulla passerella di Fracomina Mini dall’attrice Cristiana Capotondi. Infine, lo storico teatro Goldoni di Firenze si è trasformato in un bosco incantato grazie alla compagnia TPO che ha dato un tocco particolare alla sfilata-evento di Illudia, con danze e riti dedicati alle forze della natura. Piccole modelle (tra le quali anche Sienna Eto’o, figlia del famoso calciatore) si sono trasformate in fatine portando in passerella abiti in maglia, tricot e tweed, ma anche in seta e chiffon, senza dimenticare l’immancabile pelliccia, in versione eco.

Cosa ci è piaciuto: l’uso di nuovi tessuti e colorazioni inusuali, insieme alla giusta importanza data agli accessori, che stanno diventando un settore di punta nella moda bambino.

Cosa non ci è piaciuto: L’uso eccessivo della pelliccia. Se infatti può diventare un tocco divertente per piccoli dettagli, potrebbe risultare diseducativo l’uso massiccio di questo materiale negli abiti fin dalla più tenera età. Sì invece alla versione ecologica.

Martina D’Amelio


Potrebbe interessarti anche