Fashion

Pitti Uomo: 81 anni e non sentirli!

staff
11 gennaio 2012

Nel mondo della moda gennaio è il mese dei progetti: nuove collezioni, aziende in alta produzione, presentazioni ufficiali e vetrine in primo piano, una su tutte Pitti Uomo che, ogni anno rende omaggio alla moda e ai suoi operai di lusso. 1072 marchi, oltre 70 collezioni, 410 aziende estere ed un unico obiettivo, tradurre il presente per creare il futuro. Luci, texture color pastello, color block in risposta, ma anche gli intramontabili black and white a farsi spazio nella festa dello syle of the world. Must del guardaroba maschile: il parka, la field jacket, il cappotto e la giacca decostruita dallo stile militare, che trae nuova vita dai colori di stagione, l’inverno ama infatti il grigio, il nero e il color sabbia d’estate. Il denim, essenziale seppur non in prima fila si presenta scuro, abbinato a maglioni leggeri sotto giacche imponenti dall’aspetto deciso.
Completano il look, camice dallo stile classico e t-shirt in jersey grafiche, nei colori di tendenza blu, verde bosco, bordeaux, fango, grigio e l’immancabile nero lavagna. Tra gli accessori, trionfano cappelli, sciarpe, cravatte e pochette in chiave muliebre, quasi a voler ricordare all’uomo quanto la moda femminile sia la scuola di partenza per poter aspirare all’eccellenza. Un tuffo nell’arte, con quattro tra i pittori di maggior rilievo del Novecento quali: Gustav Klimt, Giorgio Morandi, Jackson Pollock e per finire Magritte, per uno stile che prende ispirazione dai colpi di pennello e che sposa per la prima volta un estro ed una capacità creativa dall’impronta futuristica talmente accesa da far brillare gli occhi ai fashion alliens piu acclamati. Un Pitti Uomo innovativo, ricercato ed attento alla moda del domani, quanto a quella da indossare oggi. E se è vero che l’autenticità del lusso sta nell’unicità dell’essere, allora siate voi stessi, in ogni dove e in ogni quando, perché tra nuove tendenze, sguardi al futuro e il salone maschile più prestigioso del mondo, l’unica moda che non passerà mai di moda, siete voi.

 

Giulia Sulis


Potrebbe interessarti anche