Lifestyle

Post vacation blues: 5 consigli per combattere la sindrome da rientro

Alessia Laudati
27 Agosto 2019

Stanchezza, emicrania, paura di non farcela. Ma rimediare si può, ecco 5 consigli utili per combattere la depressione da rientro in ufficio

 

Un italiano su dieci al ritorno dalle vacanze soffre della cosiddetta sindrome da rientro, quel fastidioso accumulo di stress, affaticamento e fastidio che spesso ci colpisce appena ripiombiamo nella routine quotidiana di casa, scuola e lavoro. Anche se le vacanze sono appena volate via dietro l’angolo e quindi dovremmo aver ricaricato le batterie, può capitare di sentirsi stanchi, tristi, irritabili e con zero voglia di ricominciare. Per qualcuno si arriva addirittura a casi gravi di insonnia ed emicrania.

È la cosiddetta “post vacation blues”, inquadrata ormai qualche anno fa come vera e propria sindrome dagli scienziati dell’Università di Granada: si tratta di uno stato di malessere generalizzato, che colpisce soprattutto le donne, le più soggette al multitasking tra lavoro in ufficio e lavoro in famiglia – quello della cura della casa e dei figli.

Ha un aspetto psicologico e uno più pratico, entrambi scatenati dal fatto che durante le vacanze vanno in pausa anche quegli automatismi che nella quotidianità ci fanno eseguire compiti e responsabilità senza rifletterci troppo. Meccanismi che una volta messi in stand by risultano difficili da riprendere di default e senza pensare alle motivazioni che li sorreggono.

Tuttavia superare questa fase è possibile: qui vi lasciamo cinque consigli utili per “guarire” dal blues del dopo vacanze e ripartire con grinta.

Tornare sì, ma per cambiare
Un modo per non sentire troppo il peso della routine è quello di pensare al ritorno come a un’opportunità per cambiare schemi consolidati. Quindi dotatevi di carta e penna (o di smartphone) e individuate una lista di almeno due novità che potere portare nella vostra routine. Non parliamo solo di hobby o interessi, ma anche semplicemente nuovi modi di eseguire le vecchie abitudini. Cambiando orari oppure approcci. Vi aiuterà a superare questo momento.

Via libera al movimento
Altro modo per ritornare in pista è quello di ricominciare a fare attività fisica. Da subito e senza indugi. Ovviamente anche questo ritorno deve essere graduale. Quindi stabilite un piccolo piano fitness che può partire da una camminata o da una corsa leggera fino ad arrivare a carichi più sensibili di allenamento. Ma tutto condotto in maniera graduale.

Urgente o no?
Altro trucco è quello di fare una scala di priorità negli impegni e dedicarsi solo a quelli più urgenti. Non è detto che tornare alla ruotine significhi rigettarsi subito a capofitto e affrontare tutto e subito. Le più impellenti possono essere sbrigate e le altre venire di conseguenza ma solo in un secondo momento. Stabilire le priorità è il segreto.

Bere molto acqua. Sì lo sappiamo che non state leggendo un decalogo del medico ma questa indicazione è sempre importante e fondamentale quando si parla di “acquisito benessere”. Specialmente al ritorno dal mare e dalla calura, bere almeno due litri d’acqua vi aiuterà a riprendere piano piano il ritmo senza soffrire troppo.

Moderazione con i social. Lo sappiamo che appena tornati molti di voi vorranno vedere come hanno passato le vacanze vip, influencer e amici. Ma a volte spiare nelle vite degli altri ha un effetto: fa sentire inadeguati rispetto alle proprie abitudini e agli obiettivi vicino o lontani che siano. Per una volta un uso moderato dei social potrà invece aiutarvi a stare sulle vostre di priorità e non su quelle degli altri.



Potrebbe interessarti anche