Alberghi

Purr effect: arriva in Giappone l’hotel dei gatti

Clarissa Monti
31 luglio 2018

La vita è certamente migliore se accompagnato da fusa e purrpurr di una bel micione accoccolato sulle gambe.

In Giappone lo sanno molto bene e, non a caso, l’amore per i felini va molto al di là della semplice compagnia domestica. Si parte da un cult come Hello Kitty e si arriva a Tashirojima e Aoshima, ovvero le Cat Island del Sol Levante, dove i gatti sono più delle persone. Per non parlare dei celebri neko cafè, da qualche anno sbarcati anche in Italia, dei veri e propri bar delle fusa dove poter stare in compagnia di mici di ogni taglia mentre si chiacchiera e si fa uno spuntino.

Insomma quello dei giapponesi per i gatti è una passione mai finita. Forse anche perché sono molti i condomini delle grandi città che vietano di poter tenere in casa un animale domestico e così, per poter godere della compagnia degli adorati felini, si va nei locali pubblici. Hotel compresi.

Nasce proprio così il Maikyatto Hotel di Hakone, cittadina nel Parco Nazionale di Fuji-Hakone-Izu: qui, oltre ad una stanza si può affittare anche un gatto. Gli ospiti pelosi sono ben 16 e tutti, assicurano dalla direzione, coccolosissimi.

L’hotel è un classico ryokan, una locanda tradizionale, dove c’è spazio anche per un delizioso cat cafè. Dopo aver affittato una delle sei stanze a disposizione (per circa 3000 yen a notte), si può decidere di adottare temporaneamente uno dei mici e, a patto che il feeling sia reciproco, tenerlo come compagno di soggiorno e persino offrirgli la cena, ovviamente a base di croccantini.

Nel nostro cat cafè, sentivamo spesso le persone dire quanto sarebbe piaciuto loro poter trascorrere più tempo insieme ad un gatto – hanno spiegato dall’hotel – Così, abbiamo deciso di trasformare il café in un vero e proprio hotel. Al contrario dei locali o degli spazi pubblici in cui i felini sono quasi sempre “passivi” e solitari, quelli che ospitiamo nel nostro albergo amano lasciarsi coccolare e passare del tempo insieme ai nostri clienti”.

Purr effect assicurato.


Potrebbe interessarti anche