News

Qual è la meta numero uno al mondo per lo shopping?

Carola Ballabio
3 aprile 2018

Una veduta di via Montenapoleone a Milano

Quale Paese nel mondo è più gettonato quando si tratta di fare shopping? Lo rivela una ricerca di Premier Tax Free. E il responso ci tocca da vicino…

Si sa, l’Italia è una delle mete preferite dai turisti di tutto il mondo per le città storiche, il patrimonio artistico e culturale, il mare, il buon cibo… e anche lo shopping! Questo è quanto emerge dal case study dell’azienda leader nel settore dell’elaborazione dei pagamenti digitali, che ha valutato l’Italia come l’unico Paese europeo ad aver realizzato un incremento dall’inizio del 2018.

I numeri sono strepitosi: +10% in vendite tax free e +8% nel numero di transazioni in questi primi mesi del 2018. Questi risultati vanno a incrementare quelli raggiunti nel 2017, dove 3 delle principali città italiane avevano raggiunto il primato tra le europee: Roma con un +22%, Firenze con un +21% e Milano con un +20%, mentre Via Montenapoleone, con un +26%, si assesta alla seconda posizione delle vie simbolo dello shopping.

Le previsioni delle prossime settimane sono ancor più positive: atteso un +9.6 % realizzato grazie all’arrivo dei turisti brasiliani, australiani e indiani, mente i primi mesi del 2018 sono stati caratterizzati da turisti cinesi, russi e americani.

Sara Bernabè, country manager di Premier Tax Free in Italia, commenta entusiasta il successo del nostro Paese: “Le nostre analisi confermano il ruolo di primo piano dell’Italia nel business del tax free in Europa. I retailer nostrani possono affiancare alla propria offerta di altissima qualità l’esperienza culturale per cui il Paese è fra le mete internazionali più attrattive. L’attenzione massima all’esperienza di ogni singolo shopper deve continuare ad essere pertanto il focus principale di questi esercenti, affinchè il primato ottenuto si consolidi ulteriormente. Gli strumenti sono molteplici: dall’accoglienza instore, che dev’essere personalizzata in base alla nazionalità dell’acquirente, all’integrazione di piattaforme e sistemi digitali con funzioni studiate ad hoc per il supporto pratico degli user sia nelle richieste di rimborso che per i pagamenti via App. Tutti gli elementi concreti che contribuiscono a creare una customer journey senza pari e degna di un target di consumatori così strategico per la nostra economia”.


Potrebbe interessarti anche