News

Quale sarà il prossimo marchio a sbarcare in Galleria?

Martina D'Amelio
8 marzo 2018

Tutti vogliono un posto al sole in Galleria Vittorio Emanuele. Dopo l’arrivo del ristorante di Carlo Cracco, è lotta aperta per l’assegnazione degli spazi occupati dalla gioielleria Currado.

Circa 132 metri quadrati siti in piazza Duomo 21 che vedono in lizza ben 4 realtà: oltre all’attuale inquilino, Inticom per il noto brand di intimo Yamamay, il marchio di gioielli Leo Pizzo (che è stato sfrattato da un altro spazio, sempre in Galleria) e il gruppo BasicNet (tra i marchi in portfolio, Kappa, Superga, K-Way). La disdetta dall’affitto a Currado è stata inoltrata a novembre 2016 e l’azienda aveva presentato un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica Mattarella, contestando la decisione presa dal Comune di Milano di indire una gara anziché rinnovare il contratto del marchio jewelry. Nonostante il contenzioso, le offerte dei vari nomi in lizza sono state presentate a febbraio; da Palazzo Marino fanno sapere che la commissione sta valutando le diverse proposte per decidere chi si accaparrerà l’esclusiva location nel cuore della città. Il canone d’affitto annuo, oltre che base dell’asta? 231.968 euro. La decisione arriverà entro il 30 giugno 2019salvo rilascio spontaneo e anticipato da parte dell’attuale concessionario”, anche se sembra proprio che il più papabile ad aggiudicarsi la gara sarebbe Yamamay. Con buona pace di Currado.


Potrebbe interessarti anche