News

Raf Simons: Calvin Klein, addio

Martina D'Amelio
22 Dicembre 2018

Era nell’aria. Raf Simons dice addio alla direzione creativa di Calvin Klein a distanza di 8 mesi dallo scadere del suo contratto.

Già qualche settimana fa i primi rumors: da una parte lo scontento per i risultati delle vendite da parte dei dirigenti di Pvh, dall’altra il malcontento dello stilista per le pressioni dall’alto. E ora, la fine di un rapporto durato meno di due anni.

Fin dal suo arrivo nelle fila del brand (a fronte di un compenso da capogiro) Raf Simons ha operato una vera e propria rivoluzione, introducendo la propria visione con la linea 205W39NYC – apprezzatissima dalla stampa, meno dal pubblico.

L’incompatibilità tra l’approccio commerciale del colosso in cui orbita Calvin Klein e quello visionario di Simons, insomma, ha portato alla rottura – una decisione presa di comune accordo. “Le parti hanno deciso amichevolmente di dividersi dopo che Calvin Klein inc ha scelto una nuova brand direction diversa dalla visione creativa di Simons”, spiegano da Pvh in un comunicato diramato nella notte.

La prima conseguenza? Calvin Klein non sfilerà a febbraio durante la New York fashion week. Lo stilista invece sfilerà con la collezione maschile che porta il suo nome a Parigi.

Non resta che vedere chi prenderà le redini del brand e soprattutto dove lo guiderà. Anche se il vuoto lasciato da Simons non sarà semplice da colmare.



Potrebbe interessarti anche