News

Ralph Lauren vs Coronavirus: il record delle donazioni moda è suo

Mia Damiani
27 Marzo 2020

Prima, la cancellazione della sua sfilata autunno inverno 2020/2021 che sarebbe dovuta andare in scena a New York in primavera. Poi un periodo di silenzio. E ora il colpo di scena: Ralph Lauren sbaraglia tutti gli altri stilisti, persino Giorgio Armani, nella partita della generosità, con una donazione anti Covid-19 da record.

Il designer americano, 80 anni, ha deciso di aiutare tutti – dai propri dipendenti al mondo della sanità, fino all’industria della moda, con una maxi donazione di 10 milioni di dollari. Una somma destinata a sostenere la battaglia contro il Covid-19. La decisione arriva dopo un netto incremento dei casi nella zona di New York, dove nelle ultime ore è stata registrata un’impennata di positivi (oltre 30mila, la metà di quelli di tutti gli Stati Uniti).

Per far fronte a quest’emergenza “poliedrica– come lui stesso l’ha definita – la donazione sarà stanziata a favore dell’Emergency Assistance Foundation per i dipendenti della Ralph Lauren in difficoltà, all’Organizzazione Mondiale della Sanità (in particolare ai  centri di cura che si occupano dei malati oncologici, i più vulnerabili) ma anche al Council of Fashion Designers of America e alla campagna A Common Thread (1 milione di dollari), lanciata da Anna Wintour e Tom Ford per raccogliere fondi per la moda americana, soprattutto a sostegno delle piccole e medie imprese a rischio collasso in questo momento.

Patrice Louvet, presidente e ceo della Ralph Lauren Corp., ha sottolineato che l’azienda si sta impegnando in prima persona anche sul fronte della produzione di mascherine e camici per gli operatori sanitari. “È un momento strano, ma sono ottimista. Questa crisi ci unisce e ogni giorno ci fa apprezzare la semplicità e la bellezza delle cose che spesso diamo per scontate. La nostra azienda esiste da più di 50 anni. Abbiamo visto molti alti e bassi e so che vedremo gli aspetti positivi anche di questo momento. Abbiamo leader e team forti. Ce la faremo” , ha dichiarato l’imprenditore. A noi non resta che ringraziarlo.