News

Rivoluzione per la New York Fashion Week

Clarissa Monti
14 dicembre 2017

Un’immagine della sfilata ss18 menswear di Raf Simons

La New York Fashion Week cambia le regole del gioco della moda: il calendario uomo sposta le proprie date. E va ad accorparsi alla settimana della moda donna, per un totale di 10 giorni di sfilate.

La New York Fashion Week Men’s non si svolgerà più a gennaio, ma dal 5 al 7 febbraio – subito prima dell’analoga manifestazione al femminile, in programma dall’8 al 14. L’annuncio è stato dato dai vertici del Cfda: “Creeremo un unico evento, senza più separare i calendari e con show suddivisi tra uomo, donna e co-ed”, ha dichiarato Mark Beckham, vice presidente marketing del Council of Fashion Designers of America. Una svolta che riguarderà anche le location: se prima la sede deputata agli show era lo Skylight Clarkson Sq, ora a essere protagonisti saranno gli Spring Studios, la Cadillac House in Houdson street, lo Skylight Modern a Chelsea e il Pier 59. E se il calendario ufficiale non è ancora stato diramato, quel che appare certo è che a chiudere la kermesse al maschile – che a questo punto durerà solo 3 giorni – sarà Raf Simons l’8 febbraio, come dichiarato a Wwd proprio da Beckham (che ha anche anticipato l’arrivo di un altro big top secret).

Sembra che la decisione per ora riguardi solo gli show dedicati all’autunno-inverno 2018/2019, e che non verrà riproposta nella stagione estiva: l’appuntamento con le sfilate menswear resta confermato dal 9 al 12 luglio. Rivoluzione, ma non troppo: qualche altra fashion week maschile seguirà l’esempio d’Oltreoceano?


Potrebbe interessarti anche