Ricette

Serata importante? La ricetta delle farfalle all’astice è da provare

Clarissa Monti
28 Novembre 2019

Se avete in vista una serata importante, dall’appuntamento romantico alla cena con gli amici, questa è la ricetta che fa per voi: le farfalle all’astice sono assolutamente da provare. Un piatto lussuoso sì, ma facilissimo da realizzare e persino veloce. Senza contare che è più gustoso che mai!

Ingredienti (per due persone):
200 gr di farfalle
1 astice (circa 500 gr, anche surgelato)
Mezzo bicchiere di brandy
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di prezzemolo tritato
Olio evo q.b.
1 peperoncino q.b.
Sale q.b.

Tempo di preparazione: mezz’ora

Procedimento:
Fate scongelare l’astice al naturale. Battete leggermente le chele con un batticarne, tagliate l’astice a metà, rimuovete le interiora, lavatela sotto l’acqua corrente e togliete la polpa della coda, che andrà tagliata a pezzetti e tenuta da parte.
Portate a bollore e salate l’acqua della pasta, immergetevi quindi le farfalle: dovranno cuocere per circa la metà del tempo indicato sulla confezione – finiranno poi la loro cottura nel sugo.
Intanto mettete a scaldare dell’olio in una padella e soffriggetevi l’aglio; aggiungete dunque il peperoncino e le due metà del crostaceo, privato della polpa. Rigirate bene la coda e le chele nella padella a fuoco allegro: quando cominceranno a rilasciare i loro sughi deglassate il fondo di cottura con il brandy, abbassate la fiamma al minimo e coprite con il coperchio. L’astice sarà cotto in circa 7/8 minuti. Rimuovere quindi il crostaceo dalla padella e tenerlo al caldo.
Aggiungete al sughetto le farfalle e un mestolo (o due) dell’acqua di cottura; fate risottare la pasta, aggiungete il prezzemolo e, a 3 minuti dalla fine, unite anche i pezzetti di astice, spadellando per amalgamare il tutto.
Impiattate le vostre farfalle all’astice utilizzando le due metà del carapace rimaste integre come guarnizione. E non dimenticate di dotare i commensali di pinze e scavini per degustare le chele!

L’abbinamento:
Le farfalle all’astice si accompagnano splendidamente con il Grand Cru Millésime 2012 Blanc de Blancs di Nicolas Feuillatte: uno champagne vellutato, dorato, con un perlage delicato e una palette aromatica sottile e piena, è caratterizzato dall’attacco vivace e minerale con fresche note di agrumi e fiori bianchi.