Aigner

staff
28 settembre 2010


L’ispirazione della stagione estiva 2011 per Aigner è il film “Indocina” e allo stesso tempo l’intramontabile look di Romy Schneider negli anni ’70.
Tuffatevi in un indimenticabile viaggio nel sud est asiatico degli anni ’20 per farvi sopraffare dal fascino di quelle terre lontane, ma sempre con l’abito giusto.
La donna presentata da Aigner è cosmopolita, internazionale, forte e ovviamente femminile.
Le silhouettes giocano soprattutto sulle proporzioni: da abiti ampi quasi oversize fino ad accorciarsi in shorts e maniche a campana dal taglio orientale.
Dettagli di genere ‘militare’ su tasche e spalline che vogliono evidenziare anche la forza del gentil sesso, oltre che l’eleganza.
Il tutto in un mix di materiali, tra cui senza dubbio prevale il crêpe de chine, utilizzato sia per i capi per la sera che per quelli da giorno, protagonista di quest’anno.
La linea dei colori si divide in due: tonalità neutre come l’avorio, sabbia, il militare e l’irrinunciabile nero; dall’altra parte tonalità più calde e sensuali come il senape, tè rosa, arancio e il chianti, storica nuance della Maison.
Sicuramente l’accessorio più significativo e must have della prossima primavera è la fusciacca, che va a sostituire la cintura a cavallo della vita, spezzando i colori dell’abbigliamento e dando un tocco originale tutto suo.
Gli accessori d’altra parte ritrovano il tocco più tradizionale della firma: design chic e vintage, materiali di lusso come il vitello, vero struzzo e pelle italiana dipinta a mano per le borse classiche.
Invece le più moderne pouch bags con il logo “Aigner” sono in stampa di coccodrillo dai tenui colori cuoio e oliva.
Infine abiti per la soirée molto chic che ricreano un’atmosfera elegante da pool e cocktail party.
L’Oriente, si sa, ha sempre esercitato un grandissimo fascino sull’uomo, e una donna dall’allure misteriosa e un po’ orientale, ancora di più. Irresistibile.

Laura Somaini