Daks

Marisa Gorza
12 gennaio 2014

01

British Style rispettato, anzi rivitalizzato con quel famoso House Check reinterpretato a nuovo tramite una miscela di toni cammello sposati al bordeaux, al verde bosco e a colate d’oro zecchino… Effetti speciali scelti da Daks, brand tipicamente anglosassone, per celebrare i suoi 120 anni di guardaroba d’eccellenza. Sempre cosparsi da una divertente ed elegante ironia all’inglese.
L’estetica maschile dell’inverno futuro vuole le giacche azzimate copiate da quelle delle Guardie della Regina abbinate ai pantaloni da equitazione nel più classico dei Prince of Wales, quando non sono decisamente adesivi, realizzati in materiali stretch: un po’ da dandy, un po’ da rock star.
Ne’ mancano il montgomery rivisitato dal tessuto brillante e il lungo, ampio cappottone alla Winston Churchill.
Gusto rocker anche per le giacche e il doppiopetto glamour realizzati nei tessuti della tradizione britannica, indossati a contrasto con il dolcevita di lana corposa. La maglieria enfatizza più che mai la memoria del fatto a mano ed oltre ai cardigan, ai pull e ai maglioni a spighe e a rombi argyle , ecco la grande, avvolgente mantella, sempre tricottata . Vero must della stagione invernale che verrà.
Un mood ricercato e strong ritrovato negli accessori, nelle scarpe e nelle borse capienti costruite nei prestigiosi pellami quali cervo e cavallino. Quest’ultimo pure stampato a macro checks, spesso sottolineati da un particolare in pelliccia.
Importanti e significativi i dettagli in oro, cioè bottoni, fibbie, cerniere guizzanti e un grande, esasperato, frizzante papillon anch’esso nel metallo a 24 carati. Similvero s’intende.

Marisa Gorza

Guarda la collezione:

02

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9