D&G

staff
23 settembre 2010


D&G porta in passerella delle vere e proprie fanciulle in fiore.
Non solo perché le modelle sono giovani e belle ma per il totale predominio di fiori: un tripudio di ortensie, rose, mimose, fresie; ovunque: dalle grandi corolle che decorano le camicie, a fiori in carne e petali che vanno singolarmente a impreziosire un sandalo.
La donna che ci presenta D&G ama la natura e si diverte anche con un look boho-chic che rispecchia la primavera e ne ripropone la leggerezza anche sugli abiti stessi: i tessuti predominanti sono infatti lo chiffon e la mousseline di cotone o seta che avvolgono dolcemente il corpo nelle lunghezze mini e maxi per far sentire ogni donna a proprio agio.
Chiaramente in questa sfilata dall’aria bucolica l’ispirazione chiave è il garden wear: dal grembiule da giardinaggio alla gonna alla gaucho, salopette, bloomers e mini abiti prendisole.
Ma anche mini gonne a portafoglio, tute corte, bluse e top arricciati.
Colori accessi come il verde smeraldo, il giallo limone e il rosso, per donne che non hanno paura di fare la loro dichiarazione; colori pastello più tenui per chi invece vuole ottenere solo un colpo d’occhio, ma pur sempre un colpo d’occhio ammirato, perché non si passa di certo inosservate, e invero nessuna donna vuole mai passare inosservata.
E per questo esistono gli accessori: sandali con zeppa intrecciata e stoffa con la medesima stampa floreale, tomaie guarnite con fiocchi, maxi borse in canvas colorate e a fiori, stivali di gomma colorati, foulard a fiori o a quadri legati in testa.
Fiorendo quindi ogni donna, è d’obbligo la vita segnata, spesso alta, con le irrinunciabili sottili cinture di pelle.
Una rinascita della donna a partire dalla natura stessa, estremamente essenziali i toni del make up con nuance color pesca, che risaltano delicatamente lo sguardo e le labbra dipinte di un leggero rosa antico.
Uguale per lo styling: capelli lisci e lunghi con la riga centrale.
Il risultato che si ottiene è naturale e valorizzante al massimo.

Laura Somaini