Fendi

Luca Antonio Dondi
16 gennaio 2018

Lo showroom di via Solari si trasforma in un lussuoso aeroporto a marchio Fendi per presentare la collezione autunno-inverno 2018/2019, in cui viaggiatori sofisticati percorrono a passo svelto il gate più chic di Milano.

La passerella è dominata da un nastro trasportatore in cui scorrono una serie di bagagli smarriti che compraendono bauli in montone, borsoni, suitcase, pacchi e persino una culla rivestita di pelliccia intarsiata con il logo del brand.

Agli Arrivi si fa strada un uomo contemporaneo ed elegante particolarmente attento al look da viaggio, contraddistinto da una ricercata praticità. Silvia Venturini Fendi esplora e ricodifica gli stilemi della Maison romana: il logo FF, le righe e l’iconico giallo Fendi sono tradotti e mixati in capi riconoscibili e unici allo stesso tempo. Bomber di pelo e cappotti in pelle, giacche cerate e piumini hi-tech, abiti fluidi, felpe, ampi blouson e pullover, tutto è reversibile: massima versatilità, minimo spazio per far entrare tutto in valigia. Accanto alle tinte monocromatiche e alle trame check si fa protagonista la stampa patchwork realizzata dall’artista scozzese @hey_reilly, scovato dalla stessa stilista tramite Instagram: il mix & match di loghi e pattern, segno distintivo dell’artista, si tramuta per questa collezione in un collage digitale che fonde texture e immagini stampate riprodotte su diversi capi.

Gli accessori diventano fondamentali per il viaggiatore contemporaneo secondo Fendi: accanto a borsoni, tote bags, zaini e valigie – tra le quali torna la Cabin Suitcase realizzata con Rimowa – spiccano custodie per fotocamere, lussuosi porta-passaporto, stivali di gomma, trainers e simpatici cappellini a mo’ di ombrello. Ma prima del decollo, le plastic bags per gli ultimi acquisti tax free in aeroporto ci ricordano i valori di Fendi da portare sempre con noi: Family, Faithful, Freedom, Fancy, Fabulous!