J.W.Anderson

Mirco Andrea Zerini
15 settembre 2018

Le passerelle londinesi celebrano l’estro creativo di Jonathan Anderson, che ha presentato la collezione primavera-estate 2019 della sua label J.W.Anderson.

A 10 anni dalla nascita del suo brand, il talentuoso designer porta in scena una sorta di rivoluzione sartoriale che sovverte le regole e conferma il suo sperimentalismo e la sua passione per la continua ricerca.

Tutto è destrutturato: le gonne asimmetriche si indossano con maglie e top dai volumi oversize, gli abiti XL hanno stampe e pattern coloratissime, i completi basic rivelano in realtà un animo sofisticato grazie alle lavorazioni crochet.

Incursioni di tessuti apparentemente incompatibili, inserti in pizzo e tonalità forti creano contrasti equilibrati, per una collezione che ama gli opposti.

Ai piedi, un nuovo capitolo della collaborazione tra lo stilista e il brand Converse, ma anche stivali rossi, bianchi e neri decorati da spille.

Jonathan conferma la sua bravura, la stessa che contraddistingue la sua era come direttore creativo di Loewe.