Jean Paul Gaultier

Vittorio Francesco Orso Ferrari
4 luglio 2018

Smoking. No smoking.”: l’elegante mondo Made in Jean Paul Gaultier si veste di un sensuale nero lucido e si dissolve nel fumo vaporoso di una sigaretta, in occasione della sfilata Haute Couture autunno-inverno 2018/2019.

Uomo e donna uniscono il proprio guardaroba, all’insegna di nuove forme, metà femminili e metà maschili, in cui gonne e pantaloni si sovrappongono e si abbinano a papillon e giacche da smoking: la longuette attillata veste l’uomo mentre il tuxedo da sera conquista la donna.

In questo mondo raffinato, la parte più esotica dell’India incontra il classico vestire cavallerizzo, in un continuo scambio di colori e materiali, trame ed accessori.

Velluto, pelle e pelliccia si abbinano alla seta, al pvc e allo chiffon, amalgamandosi sugli abiti senza però perdere la propria essenza personale.

Strass e paillettes completano questo match di dettagli chic e abiti glamour, senza seguire una logica apparente, sparsi sugli abiti come piovuti dal cielo.

La donna si trasforma così in una regina nera, vestita di piume aguzze, pelle pitonata e vesti scure; mentre l’uomo si fa suo fedele servitore, sempre un passo indietro, pronto a tutto per la propria insolita Venere.

Scarpe sportive a contrasto dagli accenni over, maxi nappe pendenti e opulenti gioielli in zircone completano questa collezione ricca e lussuosa, che spazia in materiali, colori e lunghezze. L’eterno fascino degli opposti, la fusione di culture e di scambi di ruolo, che tanto piace allo stilista francese.