Kristina Ti

staff
24 settembre 2010


L’aria è fresca d’estate, di festa nel tempo di sagre in qualsiasi punto del mondo, da Mentone a San Casciano, o ancora da Alicante o Pechino: tutte accomunate dallo stesso spirito, con una donna protagonista fatta di tradizione e ricerca, vitale ed appassionata, la sua parte più genuina e intima la fa abbandonare completamente a ricordi, racconti, per trovare nuovi stili.
Tutto è lieve e leggero, i tessuti lasciano spazio a movimenti morbidi nelle bluse e nei top sussurando le forme.
L’elemento floreale è una costante nelle stampe della collezione con combinazioni di fiori micro-macro, o stilizzato su pois in crèpon o iper-realistico su chiffon di seta.
I pantaloncini da boxeur divenuti nuove culotte e giacche e spolverini con maniche a martello e cuciture esterne ribattute con fili di seta sono reinterpretati con dettagli iper femminili dal guardaroba maschile.
Gli abiti sono in georgette delavè, le maglie destrutturate con lavorazioni a pizzo, mentre passepartout della stagione sono i body e i costumi da bagno alla Cardinale e Gainsbourg, come vuole il vero bon-ton di paese.

Leonora Cassata