Longchamp

Alessandra Cesana
9 Febbraio 2019

Animo parigino e influenze newyorkesi: per la seconda volta Longchamp calca le passerelle della New York Fashion Week e, con la collezione autunno-inverno 2019/2020 disegnata da Sophie Delafontaine, porta in scena una sofisticata dualità metropolitana.

Le silhouettes femminili e la seta incontrano i grafismi e il cuoio. Su una palette cromatica contenuta – prevalgono infatti il bianco e il nero, alternati a texture con accenti rossi o azzurri su fondo neutro – risalta il lettering black&white del nuova stampa “LGP” che, declinato su giacche, pantaloni e borse, si ispira al Bauhaus e alla griglia della Grande Mela. Sophie Delafontaine porta a un livello di elevata raffinatezza il mix and match con sofisticate combinazioni di texture, come righe orizzontali, losanghe e pattern dalle linee fluide, e di materiali, come lana lavorata a maglia, seta, cuoio e pelliccia. Comune a tutte le uscite è l’accento posto sul punto vita mediante cinture, gilet cropped e bomber. Con questa sfilata il brand francese ha lanciato una nuova borsa, la Voyageuse, e nuove versioni della classica La Pliage.

Molto urban e al contempo très chic, Longchamp porta in scena a New York una donna forte che non rinuncia mai ad essere femminile, in equilibrio tra due città.