Lucio Vanotti

Vittorio Francesco Orso Ferrari
21 febbraio 2018

Un gioco di geometrie invade la collezione man/woman autunno-inverno 2018/2019 firmata Lucio Vanotti, supportata da CNMI: tagli, volumi, sovrapposizioni e innesti tessili si sommano tra loro a creare nuovi strati materici.

L’uniforme è l’ispirazione prima dello stilista, capace di racchiudere nella propria forza espressiva un tripudio di stili e filosofie, spaziando dalla divisa da lavoro a quella sportiva.

Protagonista assoluta è la purezza delle forme, che domina i capi rendendoli netti volumi, matematica meticolosamente applicata alla sartoria Made in Italy.

Dal quadrato al tondo, passando per gli angoli retti e i rettangoli, la geometria delle forme si trasforma e si reinventa, reinterpretando silhouettes asettiche e profili femminili.

Oltre alle forme, anche le grandezze mutano, alleggerendosi o aumentando in tendenze over, sempre all’insegna di una continua somma tessile di fondo: i tessuti si incontrano tra loro su gonne, giacche e camice, intrecciandosi al tweed, alla lana gessata e a tessuti tecnici performanti in nylon.

Sfumature metalliche elettrizzano il classico black & white, creando flash sgargianti di giallo, fuxia e bluette.