Proenza Schouler

Vittorio Francesco Orso Ferrari
10 settembre 2018

Jack McCollough e Lazaro Hernandez dicono addio alla parentesi parigina e tornano sulle passerelle di New York per presentare la collezione primavera-estate 2019 di Proenza Schouler.

A vincere in passerella è il denim, protagonista indiscusso per la prossima stagione: slavato – grazie all’utilizzo di nuove tecniche, frutto della collaborazione con specialisti di Los Angeles – e multiuso, si adatta infatti ad abiti, giacche e borse extra large.

In un nuovo e ritrovato minimalismo di fondo, i due compagni di vita e atelier mettono da parte piume, pizzi e frivolezze, puntando tutto su un’essenza più pura e metropolitana, in cui a dominare sono i tessuti comuni: cotone e denim, arricchiti qua e là da dettagli e capi in pelle.

È invece dal fruttuoso dialogo creativo con l’artista tedesca Iza Genzken che nascono molte delle principali idee ispiratrici della collezione, da cui hanno avuto origine blazer e giacche decostruite, gilet e camicie tie-dye, abiti a campana e leggeri stivali in pelle fasciati alla caviglia, già prossimo must-have estivo.

Un big come-back celebrato anche dalle supermodels degli anni ’90 e ’00 Amber Valletta, Karen Elson e Gemma Ward, tornate in passerella per quest’imperdibile occasione al fianco delle moderne icone di stile Kaia Gerber e Adut Akech.