Viktor & Rolf

Alessandro Brazzelli
24 gennaio 2018

Come altri nomi sul programma della scorsa settimana, Viktor & Rolf hanno mostrato una bellissima collezione per la primavera-estate 2018.

Le novità vivaci della linea che hanno unito atteggiamenti conservatori e clowneschi non sono state la sola innovazione; il duo, Viktor Horsting e Rolf Snoeren, ha creato l’intera collezione partendo sempre dallo stesso tessuto: una raso tecnico proveniente dal Giappone, una stoffa nobile che per i designer fa “couture”.

“Abbiamo notato nella nostra carriera che spesso ci poniamo alcune restrizioni generando creatività ” ha detto Snoeren nel backstage ad alcuni giornalisti.

La coppia ha fatto del suo meglio con una serie di sagome di prima qualità. Il miniabito intrecciato in tessuto ricorda l’abito di tela indossato da Maggie Rizer nella collezione autunno 1999 del marchio, ad esempio, con elementi distintivi come forme a mantella, fiori, fiocchi e volants che aggiungono consistenza alla collezione.

Lunghi abiti di seta e gonne tagliate a sbieco sfoggiavano strisce colorate in grassetto o motivi geometrici cuciti nel tessuto, ricordando i patchwork della nonna.

Tra i protagonisti di questa collezione c’era un blazer a doppio petto blu e rosso con un arricciamento blu royal che lo incorniciava dal colletto lungo le maniche.

La collezione aveva un’atmosfera couture old-school, tutti i pezzi davvero indossabili in particolare modo un miniabito in seta verde con margherite 3D.

Anche la sostenibilità del capo è un punto distintivo dell’azienda che negli ultimi anni guarda molto anche a questo aspetto.