Beauty

Skincare: come difendersi dai danni della luce blu

Giovanna Lovison
28 Settembre 2018

C’è un nuovo, terribile, nemico che ha preso di mira la nostra pelle e sono le HEV, acronimo di High Energy Visible”, conosciute come le cosiddette “luci blu”. Con questo termine si intendono le luci prodotte da tutti i device che utilizziamo nel corso delle nostre giornate, come smartphone e PC ma anche tablet, televisori o altri apparecchi a led. Recenti studi hanno dimostrato come le “blue lights” prodotte in natura dal sole hanno una lunghezza d’onda più lunga rispetto agli UV e arrivano fino a noi con una forza piuttosto debole. Quelle dannose, invece, sono proprio quelle prodotte artificialmente dagli apparecchi elettronici, tanto da risultare dannosissime per la nostra pelle. Non ce ne accorgiamo perché gli effetti non sono immediati e non sono visibili ad occhio nudo ma macchie, rughe, linee d’espressione, colorito grigio, radicali liberi e ossidazione dei tessuti sono solamente alcuni dei danni che i vostri cellulari e pc provocano silenziosamente.

Niente paura, però, perché l’industria cosmetica ci viene in aiuto ancora una volta: sono ormai tantissimi i brand che hanno messo a punto trattamenti dalle formule specifiche per combattere l’invecchiamento precoce della pelle causato dalle temute luci blu e prevenirne gli effetti dannosi. Ci sono sieri come quelli NIOD o Kiehl’s, trattamenti specifici per lo sguardo come quelli di Lierac o Estée Lauder, maschere detox come quella di Nivea e trattamenti idratanti come quelli di Vichy, Carita o Clinique.

Ora non avete più scuse, la pelle va protetta sempre e costantemente. Sfogliate la nostra gallery per saperne di più: