News

Surridge dice addio ufficialmente a Roberto Cavalli. Su Instagram

Martina D'Amelio
27 Marzo 2019

È tutto vero: Paul Surridge abbandona la guida creativa di Roberto Cavalli. E lo fa ufficialmente con un post su Instagram, dopo i rumors insistenti degli scorsi giorni.

Ho riflettuto moltissimo su questa decisione e sono arrivato alla conclusione che la missione iniziale a cui avevo aderito è cambiata. Ora perciò preferisco concentrarmi sui progetti che avevo accantonato per dedicarmi a Roberto Cavalli. È stato un onore poter lavorare per un marchio fiorentino dal così lungo heritage”, ha scritto lo stilista sul suo profilo social, confermando le voci del proprio malcontento e delusione dovute alla mancanza di investimenti del brand italiano. “Voglio ringraziare tutti coloro che hanno reso questo viaggio possibile, a partire dal team interno e in particolare Gian Giacomo Ferraris, che mi ha dato un grande supporto e rimarrà per me un mentore”, ha continuato lo stilista, che ricopriva il ruolo di direttore creativo da 2 anni.

Che ne sarà ora di Roberto Cavalli? Lo scenario è sempre più complesso. Se da una parte i rappresentanti dei lavoratori dell’azienda hanno richiesto l’apertura di un tavolo di crisi presso la Regione Toscana, dall’altra il fondo Clessidra a cui fa capo il 90% del marchio tace sulla situazione attuale. E non ci sono né conferme né smentite sull’interessamento da parte del gruppo americano Blue Star Alliance e sulle mire di Philipp Plein.

Roberto Cavalli si limita a confermare ufficialmente l’uscita “social” di Surridge, l’ultimo designer del marchio succeduto a Peter Dundas nel 2017. Anche se la realtà è ben più preccupante delle dichiarazioni via web.