Auto

Test drive Mitsubishi Eclipse Cross: the big white

Francesco Costa
6 febbraio 2018

Abbiamo avuto modo di apprezzarlo su strada, in un entusiasmante test drive tra le nevi della Norvegia: parliamo oggi di Mitsubishi Eclipse Cross, il nuovo modello lanciato dalla casa giapponese a fine 2017. Un SUV crossover dalle forme moderne, tagliato su misura per il pubblico europeo, viste le dimensioni piuttosto compatte – 4 metri e mezzo di lunghezza –  che va ad inserirsi tra la più piccola ASX e la più grande Outlander.

Originale il design, caratterizzato da nette rastremature laterali che partono dalle portiere anteriori e arrivano fino alla coda, coinvolgendo anche i finestrini, che appaiono così inclinati in avanti e dal taglio appuntito.

L’aspetto frontale è caratterizzato dal cosiddetto  Dynamic Shield, una calandra composta da una parte superiore filante che si allunga in alto verso il lati, ospitando i fari a Led e le luci diurne, ed una parte inferiore cuneiforme di indubbio impatto visivo, con due larghe fasce cromate trapezoidali che puntano verso il centro, con ai lati due grossi gruppi ottici che si sviluppano in verticale.

Il posteriore è invece caratterizzato da una vistosa barra luminosa a LED che integra le luci dei freni e la terza luce di stop.

Gli interni risultano molto ergonomici, ben curati e pregevoli per qualità dei materiali, con una notevole abitabilità garantita anche dal divano posteriore scorrevole, ribaltabile, divisibile e reclinabile in 8 posizioni.

Mitsubishi Eclipse Cross vuole spiccare non solo per comodità e fruibilità, ma anche e soprattutto per regalare un grande piacere di guida: il motore è un 4 cilindri benzina 1.5 litri turbo a iniezione diretta che eroga una potenza di 163 CV e, soprattutto, 250 Nm di coppia costante da 1800 a 4500 giri. A fine 2018 farà il suo debutto una versione diesel 2.2 common rail.

Oltre alla grande spinta ed elasticità del motore, il vero fiore all’occhiello di questo crossover è la trazione integrale Super All Wheel Control (S-AWC), un particolare sistema di trazione a quattro ruote motrici sviluppato dalla casa giapponese già anni fa per il proprio modello sportivo di punta, la Lancer Evo, ed implementato fino ai giorni nostri. Esso è il risultato della sinergia tra diversi sistemi di controllo della trazione, che lavorando insieme regolano la ripartizione della coppia tra le ruote.

Come va: con ottant’ anni di esperienza nel campo della trazione integrale – iniziata con la prima storica Torpedo PX33 del 1936, e passando dal leggendario Pajero, uno dei fuoristrada più inossidabili al mondo –  Mitsubishi Motors ha fatto delle quattro ruote motrici la sua mission. Per dimostrarne l’efficacia, la casa dei tre diamanti ha deciso di sfidare la neve ed il ghiaccio della Norvegia, portando la Eclipse Cross a Geilo, storica stazione sciistica nel cuore del paese scandinavo. Dalla piccola cittadina racchiusa tra i monti un fantastico itinerario di 120 km completamente immerso nella natura – e,  soprattutto, nella neve – ci porterà sul lago ghiacciato di Dagali. Per l’intera giornata, l’asfalto sarà solo un lontano ricordo….

Lungo la strada innevata, il feeling che regala la Eclipse Cross è veramente sorprendente: una facilità di guida, una stabilità ed un senso di sicurezza sulla neve mai provati prima. Anche aumentando l’andatura il controllo non diminuisce, il sistema S-AWC lavora alla perfezione, garantendo sempre grip a sufficienza. Una parte del merito – bisogna dirlo – va anche ai pneumatici montanti per l’occasione, dei Continental termici invernali chiodati. Il motore è potente, ma si rivela anche elastico e pastoso, offrendo una comoda marcia anche a bassi regimi, e spingendo con vigore affondando il piede nel gas. Ci si può affidare al comodissimo cambio automatico a otto rapporti, oppure, con l’utilizzo delle palette al volante, selezionare direttamente le marce, il cui innesto è sempre rapido e fluido anche in scalata.

Una volta arrivati al circuito sul lago di Dagali, le condizioni si fanno ancora più estreme: un’enorme distesa ghiacciata coperta solo in parte da una coltre di neve compatta e dura. La fisica vuole che sul ghiaccio non esista aderenza, e la Eclipse Cross, ovviamente, non fa eccezione. Ma anche in questo caso la trazione integrale S-AWC si fa sentire: analizzando istantaneamente svariati parametri – dalla velocità all’accelerazione, dalla forza G laterale all’angolo di sterzata – taglia la potenza, frena e dosa con precisione la coppia su ogni singola ruota,  scongiurando gli effetti di una totale perdita di controllo, e riducendo di molto la conseguente imbardata.

La trazione integrale S-AWC consente inoltre di scegliere fra tre modalità di guida: Auto, per guidare in sicurezza su fondi asciutti o bagnati, mantenendo un basso consumo di carburante; Snow, che inserisce un setting specifico per fondi innevati, e Gravel, per affrontare terreni ghiaiosi e sterrati.

Tra le poche pecche riscontrate nel nuovo crossover, spicca la scarsa visibilità posteriore, dovuta alla fascia che divide il lunotto in due parti. Ci si deve affidare alla telecamera posteriore, che però può venire coperta dal notevole sporco che si accumula guidando sulla neve. Un po’ limitante l’assenza del navigatore satellitare, anche come optional. Ma si può ovviare al problema collegando il proprio smartphone al display centrale tramite l’ottimo sistema di infotainment.


Potrebbe interessarti anche