News

Tom Ford ai vertici del Cfda: la NYFW è salva?

Martina D'Amelio
22 Marzo 2019

I rumors si rincorrevano da giorni: Tom Ford è il nuovo presidente del Cfda. E (forse) ora la NYFW può tirare un sospiro di sollievo.

Come previsto, il designer è stato eletto dal consiglio di amministrazione alla guida del Council of Fashion Designers of America. Un ruolo importante, considerato che raccoglie il testimone da madame Diane von Furstenberg, che lascia il posto dopo 16 anni di onorata carriera. E che l’associazione degli stilisti Usa, che conta più di 500 membri tra aziende di abbigliamento donna, uomo, gioielli e accessori, ha decisamente qualche problema all’ordine del giorno da affrontare. Materia: fashion week.

Da più di qualche stagione a questa parte infatti la settimana della moda di New York non naviga in buone acque, e la nomina sembra sia stata fatta apposta per calmare il maremoto. Tant’è che il mandato, che avrebbe dovuto essere operativo da gennaio 2020, probabilmente verrà anticipato al prossimo giugno.

Una nuova linfa, una nuova organizzazione, una nuova immagine sono ciò di cui la NYFW avrebbe bisogno (e qualche big in aggiunta, considerato che nelle ultime stagioni ha perso nomi di spicco a tutto vantaggio di Londra, Parigi e Los Angeles), e Tom Ford dovrà impegnarsi affinché la manifestazione torni agli antichi fasti. Dopo l’organizzazione del vicino gala dei Fashion Awards, lo stilista avrà ben da fare, a partire dallo spostamento della sede degli show, che sembra proprio diverrà The Shed (in passato, le sfilate hanno avuto svariate sedi, dal Lincoln Center all’area degli Spring Studios).

Basterà la location appena inaugurata a Hudson Yards a risollevare le sorti della kermesse? Almeno è un primo passo avanti. D’altronde, chi meglio di Tom Ford, l’unico grande nome insieme a Ralph Lauren rimasto sempre fedele alle passerelle della patria, potrebbe fare di meglio?

Intanto, il designer diventa l’11° presidente dell’associazione, dopo Stan Herman, Sydney Wragge, Norman Norell, Oscar de la Renta, Herbert Kasper, Bill Blass, Mary McFadden, Perry Ellis, Carolyne Roehm e Diane von Fürstenberg. Buona fortuna.

 



Potrebbe interessarti anche